Home News Padre di famiglia uccide moglie e figlio per avere i soldi dell’assicurazione

Padre di famiglia uccide moglie e figlio per avere i soldi dell’assicurazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38
CONDIVIDI

Un padre di famiglia ha ucciso la moglie e il figlio 23enne per poter ottenere i soldi dall’assicurazione sulla vita. Il crimine è stato risolto dopo vent’anni.

Karl Holger Karlsen è stato giudicato colpevole questa settimana dell’omicidio di sua moglie Christina, avvenuto durante un incendio doloso nel 1991. L’uomo ha ucciso suo figlio e sua moglie per poter ottenere i soldi dall’assicurazione. prima di essere arrestato ha dichiarato che la loro morte è stata solo “sfortuna”. Karlsen, 59 anni, lunedì scorso è stato giudicato colpevole della morte di sua moglie Christina, e potrebbe essere condannato all’ergastolo senza possibilità di libertà vigilata. Karlsen è stato condannato mentre stava già scontando 15 anni di carcere per l’omicidio di suo figlio Levi, avvenuto nel 2008. Con la morte dei due, Karl aveva ereditato più di 900.000 dollari dalle polizze assicurative delle vittime. In un’intervista rilasciata alla NBC, prima della sua condanna, l’assassino ha paragonato la morte dei familiari ad altri casi di “sfortuna” nella sua vita: “Ho avuto molte altre cose nella mia vita. Ho avuto cavalli morti, ho avuto un incendio in una stalla”, ha detto. “Se ti dicessi tutto, non crederesti a quello che mi è successo”.

Potrebbe interessarti anche –> Due morti e sei feriti, festa in piscina si trasforma in tragedia: cosa è successo

Uccide moglie e figlio per soldi, condannato all’ergastolo padre di famiglia

I documenti del tribunale mostrano che Karlsen è tornato a New York e ha comprato una casa con i soldi dell’assicurazione sulla vita. Nel 2008 suo figlio Levi, 23 anni, aveva acquistato una polizza di assicurazione sulla vita di 700.000 dollari, nominando suo padre unico beneficiario della sua polizza in caso di morte.
Ore dopo aver firmato i documenti, il corpo di Levi è stato trovato sotto un camion nel garage dalla seconda moglie di Karlsen, Cindy. Le autorità considerarono la morte di Levi un incidente, ma nel 2011 Cindy si rese conto che Karlsen aveva investito il denaro della polizza di suo figlio in una polizza sulla vita di 1,2 milioni di dollari per lei e avvisò le autorità. Karlsen ammise a Cindy di aver deliberatamente fatto cadere il camion su suo figlio, e l’anno successivo fu accusato di omicidio. Si è dichiarato colpevole nel 2013 in cambio di 15 anni di carcere a vita. Da allora, la polizia californiana ha riaperto le indagini sulla morte della sua prima moglie e alla fine ha presentato delle accuse formali contro di lui. La madre di Christina, Arlene Meltzer, ha detto martedì: “Sapevo che c’entrava qualcosa. È qualcosa che una madre porta sempre nel cuore”. La signora Meltzer ha continuato: “Per 30 anni siamo rimasti in piedi e abbiamo aspettato, in questo momento mi sto solo prendendo del tempo per aiutarmi a diventare forte. Ho continuato a pregare perché sapevo che lui era coinvolto, ma dovevo solo stare a guardare e credere che Dio se ne sarebbe occupato. Finalmente è arrivata la fine”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!