Home News Famiglia scomparsa nel nulla, poi l’amico si tradisce: ecco la tremenda verità

Famiglia scomparsa nel nulla, poi l’amico si tradisce: ecco la tremenda verità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:51
CONDIVIDI

Mamma, papà e i loro due bambini piccoli hanno lasciato il cibo sul tavolo e sono scomparsi nel nulla. Dieci anni dopo sono stati ritrovati, ecco dove.

Una scatola di uova e alcune verdure mezze pronte è stata trovata sul bancone della cucina della casa in periferia della famiglia McStay. Sul divano c’erano due piccole ciotole di popcorn e i loro due cani, Bear e Digger, erano fuori in giardino. Ma non c’era traccia della coppia Joseph e Summer, né dei loro due figli piccoli Gianni, quattro anni, e Joseph Jr, tre anni. Era chiaro che non erano lì da qualche giorno, e nemmeno i loro cari avevano avuto loro notizie. Sembrava che la famiglia McStay si fosse semplicemente alzata e se ne fosse andata… ma perché? Era febbraio 2010. Joseph, 40 anni, e Summer, 43 anni, si erano trasferiti nella loro casa di Fallbrook, in California, solo quattro mesi prima. Joseph gestiva un’attività di successo nel settore delle fontane d’acqua decorative, chiamata “Earth Inspired Products”, con il suo socio Charles Merritt. Summer era un agente immobiliare e una mamma devota, che lavorava duramente e allevava la sua famiglia con divertimento e risate. Il 15 febbraio 2010, la famiglia ha visitato la casa di Joseph e Summer perché non aveva notizie di loro da molto tempo. Non c’era traccia della famiglia e con il cibo rimasto fuori e i cani nel cortile, era come se fossero scomparsi nel nulla. L’ultima volta che sono stati visti è stato il 4 febbraio, quando Joseph aveva incontrato Merritt, l’ultima persona che Joseph aveva chiamato. Non c’erano segni di effrazione, né di un crimine commesso o di una lotta. La famiglia è stata dichiarata scomparsa.

Potrebbe interessarti anche –> Due morti e sei feriti, festa in piscina si trasforma in tragedia: cosa è successo

Famiglia scomparsa, ritrovati tutti morti dieci anni dopo

Poco dopo, l’auto della famiglia McStays, un Isuzu Trooper bianco, è stata scoperta parcheggiata in un centro commerciale vicino al confine tra Stati Uniti e Messico, e le telecamere a circuito chiuso hanno mostrato una famiglia dall’aspetto simile che camminava verso il Messico. Sul computer di famiglia gli investigatori hanno trovato ricerche sul tipo di documenti di cui i bambini potrebbero aver bisogno per viaggiare in Messico, e sembrava che qualcuno avesse fatto ricerche su lezioni di spagnolo. Erano scomparsi volontariamente per iniziare una nuova vita in Messico? Nessuno riusciva a trovare un motivo per farlo. Non avevano fatto le valigie e c’erano più di 100.000 dollari che non erano stati toccati nei loro conti bancari. Gli investigatori erano perplessi e i loro cari erano tormentati dalla preoccupazione. La madre di Joseph, Susan Blake, aiutò Merritt ad accedere al denaro per mantenere l’attività, ma l’azienda non poteva lavorare senza Joseph al timone. Susan inviò a Joseph delle e-mail implorandolo di mettersi in contatto con lui. Nessuno sapeva se la famiglia nascondesse qualcosa che li preoccupava e per tre anni la loro scomparsa è stata un completo mistero. Il caso era coperto da programmi televisivi e c’erano così tante teorie. Merritt cominciò persino a scriverci un libro, dopo tutto era stato l’ultima persona a vedere Joseph il giorno della sua scomparsa, quando, a quanto pare, avevano parlato di affari per circa un’ora. Nel libro, Merritt aveva intenzione di rivelare come Joseph gli avesse confidato che pensava che Summer stesse cercando di avvelenarlo. Era un’insinuazione assurda, e nessuno pensava fosse vero. Gli investigatori avevano i loro sospetti su Merritt. In un colloquio subito dopo la scomparsa, egli si riferì a Joseph al passato dicendo “era il mio migliore amico”, nonostante non ci fossero prove che fosse morto. Gli amici di Joseph hanno detto che l’uomo aveva confidato loro che Merritt stava facendo un lavoro “scadente”, e che sospettava che gli stesse rubando del denaro.
Un altro socio in affari, Daniel Kavanaugh, disse alla polizia che Joseph stava pensando di licenziare Merritt. Sarebbe stato un disastro per Merritt, che aveva un’abitudine al gioco d’azzardo e aveva accumulato debiti. Insieme alle bollette fiscali non pagate, aveva un debito di 30.000 dollari.

Potrebbe interessarti anche –> Padre di famiglia uccide moglie e figlio per avere i soldi dell’assicurazione

Famiglia scomparsa, condannato a morte il migliore amico del padre

L’11 novembre 2013, un motociclista fuoristrada stava attraversando il deserto del Mojave della contea di San Bernardino, circa un’ora a nord della casa della famiglia McStay, e si è imbattuto in resti scheletrici umani appena fuori dall’interstatale. La scoperta ha portato la polizia a due tombe poco profonde. La famiglia McStay era stata finalmente trovata. I resti di Joseph erano stati sepolti con Joseph Jr, mentre Summer è stata sepolta con Gianni. Con loro è stato trovato anche un pesantissimo martello arrugginito. Avevano tutti subito fratture al cranio e si credeva che la mazza fosse l’arma. Gli investigatori hanno stabilito che Joseph e Summer erano stati uccisi e che anche i ragazzi lo erano stati, perché avrebbero potuto identificare l’assassino. Dopo tre anni di ricerche, il destino della famiglia McStay era stato scoperto. Ma chi li aveva uccisi? L’attenzione è tornata su Charles Merritt. La polizia ha scoperto che il cellulare di Merritt era stato vicino alle tombe il 6 febbraio 2010, poco dopo l’ultima volta che la famiglia era stata vista, e il suo DNA è stato trovato nell’auto dei McStay abbandonata vicino al confine messicano per far sembrare che se ne fossero andati di propria iniziativa. C’erano prove che Merritt aveva preso soldi dal negozio di fontane d’acqua nel periodo precedente gli omicidi.
Nonostante le prove siano in gran parte circostanziali, Merritt è stato arrestato nel 2014 e accusato dell’omicidio di Joseph, Summer e dei loro due figli. Il processo è stato ripetutamente ritardato perché Merritt ha licenziato diversi avvocati e ha persino cercato di rappresentarsi da solo. Infine, nel 2019, il processo è iniziato. La sua difesa ha affermato che non c’erano prove fisiche che collegassero Merritt agli omicidi, e che non c’erano segni di aggressione nella casa. Hanno accusato la polizia di non prendere in considerazione altri sospetti, sostenendo che Merritt non avrebbe mai ucciso il suo migliore amico per soldi. Dopo un processo durato quattro mesi, nove anni dopo gli omicidi di McStay, Merritt è stato giudicato colpevole di quattro capi d’accusa per omicidio di primo grado. Nel gennaio di quest’anno è stato condannato a morte per i suoi crimini. Merritt, ora 62 anni, ha continuato a insistere sulla sua innocenza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!