Coronavirus, il messaggio straziante di Lino Banfi commuove tutti

Parlando di Coronavirus, Lino Banfi invita a dare il giusto peso ai decessi avvenuti in Italia, poi però sdrammatizza ed invita gli italiani a non temere.

In questi giorni gli esperti hanno spiegato agli italiani che il tasso di mortalità del Coronavirus è molto basso (il 3%) e che in molti casi i decessi riguardano persone anziane con problemi di salute pregressi. Su questo fatto il comico e attore televisivo Lino Banfi ci tiene a fare una precisazione: “Se muore un nonnino non è che abbia meno valore della morte di una persona più giovane”. Insomma, giusto dare il corretto peso all’emergenza, ma non bisogna in ogni caso sottovalutare le morti di queste persone.

Leggi anche ->Coronavirus, l’epidemiologo Demicheli: “Bisogna limitare i contatti”

Chiarito il punto, “Nonno Libero” cerca di sdrammatizzare con una battuta la situazione in cui ci troviamo: “Visto che il mio mestiere mi insegna a sorridere e far sorridere anche nei momenti tristi, possiamo dire che almeno una cosa buona questo coronavirus l’ha fatta: ha insegnato a tutti gli italiani l’abitudine di lavarsi le mani, spesso e bene”.

Leggi anche ->Coronavirus, vaccino da Israele: “Pronto in tre settimane”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, Lino Banfi: “Presto ne rideremo”

Nell’intervista concessa ad ‘AdnKronos‘, l’attore vuole mandare un messaggio di speranza e fare capire agli italiani che non c’è bisogno di avere paura. Lo fa raccontando un episodio personale: “Da bambino, quando ancora vivevo a Canosa di Puglia, ho avuto in serie tifo, paratifo, malaria ed epatite virale”, sarebbe dovuto morire a 10 anni, spiega ancora, ma la realtà è stata differente: “oggi che ho 84 anni posso dire che quelle malattie mi hanno fortificato e rafforzato”.

L’amatissimo attore italiano conclude spiegando il perché ha voluto raccontare quella sua esperienza personale: “Dunque, come nonno Libero, dico a tutti i vecchietti come me di non avere paura del coronavirus e di stare tranquilli, perché noi abbiamo gli anticorpi e siamo forti”. Infine aggiunge un auspicio: “Presto, nessuno di noi avrà più motivo per averne paura e ne rideremo”. Parole sagge da un uomo che ne ha vissute tante e che invita a dare sì il giusto peso alla situazione, ma a non farsi travolgere dalla paura che, come sempre, è solo controproducente.

Lino Banfi