Home News Sarah Maestri: la malattia dell’attrice impegnata nel sociale

Sarah Maestri: la malattia dell’attrice impegnata nel sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:14
CONDIVIDI

L’attrice romana Sarah Maestri è molto amata dal pubblico anche perché impegnata nel sociale: qual è la malattia di cui soffre da sempre.

(screenshot video)

Aveva appena tre anni l’attrice Sarah Maestri, quando le diagnosticarono una grave patologia emolitica, con sospetta diagnosi di leucemia. Da allora ha vissuto un lungo dramma per una bambina.

Leggi anche –> Enrica Pintore, chi è: carriera e curiosità sull’attrice

In un’intervista a ‘La Vita in Diretta’ ha raccontato: “Sono cresciuta dentro e fuori il reparto di onco-ematologia del San Matteo di Pavia: lì imparai a fare i fiori di carta”.

Leggi anche –> Angela Finocchiaro, chi è: età, carriera, vita privata della comica e attrice

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’esperienza della malattia e l’impegno sociale di Sarah Maestri

(screenshot video)

Da quell’esperienza, nel 2009 nasce il romanzo autobiografico La bambina dei fiori di carta, che ebbe notevole successo, diventando anche uno spettacolo teatrale. L’esperienza della malattia sicuramente le cambia la vita: l’attrice è ancora oggi in prima linea nell’impegno sociale, sia con l’associazionismo cattolico che con l’Avis. Sarah Maestri si è anche adoperata per i diritti dei bambini orfani nei paesi dell’Est, battendosi in prima linea a favore delle adozioni.

L’attrice non si nasconde e spiega: “Conoscere il dolore ti fa apprezzare la vita ma molte persone lo scoprono tardi questo dolore. Io ho avuto la fortuna di scoprirlo presto, quindi… la vita me la godo!”. La sua è una patologia genetica, ma “ho una vita meravigliosa”, afferma. Sarah Maestri, qualche anno fa, si è scontrata anche con la burocrazia delle adozioni in prima persona: l’affido temporaneo di una bambina bielorussa, Alessia, si doveva trasformare in adozione. Ciò non avvenne e lei intraprese una battaglia non solo personale, ma che era per rendere più facili alcuni processi di adozione.