Home News Truffa Coronavirus, la Croce Rossa: “Non esistono controlli a domicilio”

Truffa Coronavirus, la Croce Rossa: “Non esistono controlli a domicilio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:52
CONDIVIDI

La Croce Rossa ha condiviso un’allerta truffa sulla pagina Facebook: pare che ci siano persone che si fingono medici per entrare in casa degli anziani.

Era solo questione di tempo prima che qualche malintenzionato si approfittasse della situazione di panico generata dall’epidemia di coronavirus per raggirare le persone. A quanto pare, in queste ore diverse persone avrebbero ricevuto delle telefonate in cui un truffatore si fingeva un medico per avvisare il malcapitato di una imminente visita di controllo. Facendo leva sulla paura delle persone e sfruttando il caos generato dal Covid-19, i malintenzionati puntano a farsi aprire casa per poi derubare le vittime.

Leggi anche ->Coronavirus, Milano: contagiato un dermatologo del Policlinico

A rendere noto il tentativo di raggiro è stata la Croce Rossa che sulla propria pagina Facebook ha allertato i cittadini delle zone colpite di non cadere nel tranello:

” ⚠️ ATTENZIONE TRUFFA ⚠️
Ci viene segnalato che alcuni anziani hanno ricevuto strane telefonate del tipo “siamo della Croce Rossa le veniamo a casa a fare il tampone per il Coronavirus”.

Leggi anche ->Coronavirus Emilia Romagna | 7 nuovi casi | scuole chiuse

Truffa Coronavirus: non aprite a presunti medici della Croce Rossa

Nel prosieguo del post viene spiegato ai cittadini che non esistono controlli domestici, dunque se si presenta qualcuno bisogna avvisare le autorità: “N.B. NON FIDATEVI DI CHI SI PRESENTA A DOMICILIO PER CONTROLLI, VERIFICHE, ECC. NON ESISTONO MEDICI CHE VENGONO A CASA VOSTRA PER FARE I TAMPONI CORONAVIRUS. Per favore avvisate tutti i vostri parenti, amici e soprattutto gli anziani. NEL DUBBIO, CHIAMATE SEMPRE LE AUTORITÀ PER UNA VERIFICA
Grazie mille”.

Vi ricordiamo che il personale medico viene in casa vostra solamente se siete stati voi ad allertarlo qualora sospettiate di essere stati contagiati dal coronavirus. Richiesta che viene suggerita anche dalle autorità per evitare che qualcuno infetto possa recarsi ad un pronto soccorso e contagiare altre persone.