Home News Coronavirus, il manager tornato dalla Cina: “Non ho niente”

Coronavirus, il manager tornato dalla Cina: “Non ho niente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:39
CONDIVIDI

Torna a parlare ai microfoni di MilanoToday il manager di Fiorenzuola indicato come possibile causa del contagio di coronavirus del 38enne di Codogno

Il Coronavirus si sta continuando a diffondere in Italia, soprattutto in Lombardia e in Veneto. Il manager tornato dalla Cina nello scorso gennaio ha svelato ai microfoni di Milanotoday: “Dicono che sono il paziente zero, ma non mi trovano niente. Non è detto che, perché sono stato in Cina, devo aver preso io il coronavirus”. L’uomo è stato indicato come possibile causa del contagio del 38enne ricoverato in gravi condizioni a Codogno, ecco il suo racconto: “Con M. abbiamo fatto due cene e abbiamo preso una birretta, ma sono sempre stato bene, solo un accenno di raffreddore che non è sfociato in influenza. Fino a ieri sera alle 11 mangiavo e bevevo, non sapevo niente di questo virus”.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, morto l’anziano in Veneto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, il racconto del manager

Lo stesso manager di Fiorenzuola ha proseguito nel suo racconto rivelando ciò che è successo nelle ultime ore: “Nella notte sono venuti a prelevarmi e mi hanno portato al Sacco. Come me lo spiego? Non mi spiego niente. Parlo con i medici per telefono, ma ho più notizie dalla televisione. Infine, ha svelato ciò che sta attraversando in queste ore davvero tremende per lui e per tutti i suoi familiari: “Il mio stato d’animo? C’è un mio amico che rischia di morire. Voglio sapere il responso del tampone sui miei genitori”. Gli esami sono stati effettuati anche dalle due sorelle e dal nipote.

coronavirus
Coronavirus cresce il numero di contagiati in Italia @Getty Images Alberto Pizzoli