Agrigento, bambino di quattro anni cade dal carro di Carnevale e muore

Si chiamava Salvatore Sclafani il bambino di quattro anni morto cadendo da uno dei carri del Carnevale di Sciacca, in provincia di Agrigento.

Un bambino di quattro anni è morto cadendo da uno dei carri allegorici che sfilavano per il Carnevale di Sciacca, in provincia di Agrigento. Salvatore Sclafani, questo è il nome della vittima, era stato caricato su di un carro fermo in strada per scattare una foto. Appena il carro ha iniziato a muoversi il bambino è caduto giù, sbattendo la testa sull’asfalto. Nonostante sia stato subito portato in ospedale, per il piccolo non c’è stato nulla da fare.

Potrebbe interessarti anche –> Weekend di Carnevale 2020: dove andare in Italia, feste e sfilate

Bambino di quattro anni cade dal carro di Carnevale e muore, addio al piccolo Salvatore

Il padre di Salvatore aveva caricato il bimbo sul carro “Volere volare”, dell’associazione “E ora li fermi tu”, per scattare qualche foto ricordo. Appena il carro, trainato da un trattore, si è messo in marcia, Salvatore ha perso l’equilibrio ed è caduto a terra. E’ stato subito portato all’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, ma per lui non c’è stato nulla da fare. Per via dell’accaduto la manifestazione è stata annullata. Il procuratore della Repubblica Roberta Griffo ha sequestrato il carro protagonista dell’incidente, e ha già iniziato a sentire alcune testimonianze dei presenti.

Bambino muore cadendo dal carro, sul web gli utenti chiedono l’abolizione della manifestazione

Su internet gli utenti si lamentano della sicurezza dei carri, che appare decisamente insufficiente durante la manifestazione: “Come l’anno scorso e come ogni anno! Questi architetti farlocchi dovrebbero pensare a fare i carri sicuri e il comune a ispezionare che sono idonei per il trasporto di bambini! Ma che razza di persone siete?”. Ma il vero problema sembra essere l’improvviso movimento del carro: “Da come viene data la notizia immagino che se anche ci fosse stato un parapetto di protezione il padre non si sarebbe preoccupato di mettere il bimbo lì dietro perché il carro era fermo”. Non è la prima volta che si verificano incidenti di questo tipo durante la manifestazione, e c’è chi chiede che questa venga cancellata: “Ormai non è più un carnevale ma un bollettino di guerra, non fatelo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!