Home News Uccide una 21enne durante un rapporto, la madre della vittima: “Le hai...

Uccide una 21enne durante un rapporto, la madre della vittima: “Le hai tolto il futuro”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:16
CONDIVIDI

Un uomo di 28 anni è stato condannato con 30 anni di reclusione per aver ucciso una ragazza di soli 21 anni durante un gioco sessuale.

Grace Millane, ragazza 21enne di Wickford (Essex, Inghilterra), a fine 2019 era partita per la Nuova Zelanda. La giovane si era presa un anno sabbatico per esplorare il mondo ed era partita dalla Gran Bretagna con uno zaino e senza una meta precisa. Una tipologia di viaggio molto in voga tra i giovani che è stato etichettato come Backpacking. Giunta nell’esotica Nuova Zelanda, la giovane britannica ha incontrato Jesse Kempson, un 28enne del luogo conosciuto tramite Tinder.

Leggi anche ->Donna uccisa | il marito la strangola | aveva 31 anni e due figlie

I due ragazzi hanno avuto un primo incontro pubblico e successivamente si sono dati appuntamento nella casa di lui per fare sesso. Durante il rendez-vous, Jesse ha strangolato Grace. Il ragazzo sostiene che si è trattato di un incidente e che la giovane era d’accordo ad avere un rapporto sadomaso. Ma il suo comportamento fa propendere per un gesto volontario. Questo, infatti, dopo che la ragazza ha smesso di respirare ne ha fotografato il corpo nudo, quindi l’ha chiuso in una valigia e lo ha abbandonato in una foresta.

Leggi anche ->Femminicidio | spara ad ex ed a figlia coetanea e si uccide FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Uccide 21enne durante il sesso: uomo condannato a 30 anni di carcere

Il processo ai danni dell’uomo si è concluso nelle scorse ore con una condanna per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il giudice non ha infatti creduto alla versione dell’imputato e ha definito il suo atteggiamento “Depravato” e “Privo di empatia”. Questo ha anche detto all’imputato: Tu sei un uomo possente e lei era esile. Tu eri in posizione di totale dominio fisico, lei si fidava di te”. Prima della sentenza è stato permesso alla madre della ragazza di parlare alla Corte e all’imputato. La donna ha sottolineato come la figlia fosse “La mia migliore amica” e come “L’assassino si è preso il futuro di mia figlia”.

La madre, affranta per il dolore, si è poi rivolta all’uomo che l’ha privata della sua bambina: “Il dolore ed il terrore che deve aver provato attraverso le tue mani, come madre avrei fatto qualsiasi cosa per cambiare posto con lei. E’ morta terrorizzata in una stanza da sola con te”.