Home News I vicini disinfestano casa, neonata muore avvelenata a 8 mesi

I vicini disinfestano casa, neonata muore avvelenata a 8 mesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25
CONDIVIDI

Una neonata è morta per avvelenamento in casa quando i vicini hanno chiamato una ditta privata per farsi disinfestare l’appartamento.

Una tragedia che poteva e doveva essere evitata. Questo è ciò che emerge dalla tragica storia di Guzal, neonata kazaka di appena 8 mesi, morta in casa lo scorso 11 febbraio. Secondo quanto emerso dalla cronaca locale, la tragedia si è verificata in una palazzina della città di Shymkent. Quel giorno i vicini di casa della famiglia Abdurasulov avevano chiamato una ditta privata per effettuare una disinfestazione. Nell’appartamento, infatti, si erano introdotte blatte e cimici, dunque era necessario che l’ambiente venisse ripulito dall’infestazione.

Leggi anche ->Mistero sulla morte di un bimbo di 3 anni trovato morto in un mini bus

Gli operai della ditta, però, non hanno avvertito i vicini di casa che sarebbe stata effettuata la disinfestazione, bensì hanno semplicemente spruzzato nell’ambiente il veleno per uccidere gli insetti. La sostanza letale si è fatta strada tramite il condotto dell’aria ed è giunta sino all’appartamento che si trova sopra quello in cui è stata effettuata la disinfestazione. La famiglia Abdurasulov si è accorta che qualcosa non andava solo quando la figlia più piccola ha cominciato a non respirare.

Leggi anche ->Muore a 8 anni dopo essere stata stuprata da 16 uomini, parenti compresi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Neonata muore avvelenata, la polizia indaga sull’accaduto

Il padre, distrutto per la morte della sua neonata, ha raccontato ai media gli istanti che hanno preceduto la tragedia: “Non sapevamo cosa stesse succedendo. Mia figlia Guzal ha cominciato a piangere, ma pensavamo stesse mettendo i denti. Dopo è diventata più debole, il suo corpo freddo, le sue labbra e la sua faccia di un colore bluastro. Siamo andati di corsa in ospedale, ma 30 minuti dopo è morta”. La madre della piccola spiega che la prima volta che era stata fatta una disinfestazione, gli operai erano saliti per avvertirli di aprire le finestre e ventilare la casa, ma questa volta nessuno li ha avvertiti. Sull’accaduto sta investigando la polizia, al momento però nessuno è stato iscritto nel registro degli indagati.