Home News Bonus nido 2020, tutte le novità e i requisiti per richiederlo

Bonus nido 2020, tutte le novità e i requisiti per richiederlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:28
CONDIVIDI

Partono i bonus nido per il 2020, il contributo erogato da Inps per aiutare le famiglie con le spese per le rette dell’asilo nido dei figli. 

Sono partiti i bonus erogati dall’Inps per l’assistenza alle famiglie nell’aiuto del pagamento delle rette degli asili nido o per un supporto presso le abitazioni. Quest’anno l’importo è salito fino a 3 mila euro per le famiglie con un ISEE minorenni che non superi i 25 mila euro. L’Inps ha presentato le nuove istruzioni per le domande di rimborso delle rette di iscrizione agli asili.

Leggi anche -> Pavia, fratellini picchiati e frustati dai genitori per i brutti voti a scuola

Come annunciato, il bonus nido è aumentato fino a 3 mila euro per i nuclei familiari con Isee minorenni che non superi i 25 mila euro. Il contributo totale raggiungerà i 2.500 euro per nuclei con Isee minorenni da 25.001 a 40.000 euro e 1.500 euro per i nuclei sopra i 40.000 euro. Il bonus sarà suddiviso in undici mensilità, possono richiederlo i genitori con cittadinanza italiana, appartenenti a uno Stato UE o, se extracomunitari, che abbiano un permesso di soggiorno in corso di validità. Il richiedente deve essere residente in Italia e deve essere colui che si incarica del pagamento della retta.

Come fare domanda per il bonus nidi

La domanda può essere fatta attraverso tre modalità. Si può presentare tramite servizio online dedicato accessibile da chiunque abbia un Pin Inps, un’identità Spid o una Carta Nazionale dei Servizi (Cns), oppure contattando il Contact Center multicanale (chiamando da rete fissa il numero verde 803 164 o da telefono mobile 06 164 164). Oppure, i genitori possono rivolgersi ai patronati, tramite i servizi telematici se non sono possessori di Pin. Per chi avesse già fatto domanda nel 2019, la domanda è semplificata dato che verrà già precompilata con le informazioni ottenute dall’Inps. Ogni domanda vale per un figlio a carico.

Leggi anche -> Benevento, denunciate 4 maestre: picchiavano i bambini

Le ricevute di pagamento delle rette da farsi rimborsare possono essere presentate entro il 1 aprile 2021, se non sono disponibili al momento della domanda.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!