Home News Video a luci rosse | candidato di Macron si ritira

Video a luci rosse | candidato di Macron si ritira

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:40
CONDIVIDI

Un fedelissimo del presidente francese Emmanuel Macron si fa da parte dalla corsa a sindaco di Parigi. Colpa di alcuni video a luci rosse. Lui si chiama Benjamon Griveaux e denuncia un attacco infamante ai suoi danni.

video a luci rosse
Il candidato Benjamin Griveaux si ritira dalla corsa elettorale per dei presunti video a luci rosse FOTO viagginews

Deve ritirarsi per la presenza di alcuni video a luci rosse, Benjamin Griveaux. Lui è un candidato di ‘République En Marche’ che fino ad oggi aveva concorso per la nomina a sindaco di Parigi.

LEGGI ANCHE –> Sacerdote Padova, foto a luci rosse in gruppo Whatsapp dei genitori: “È stato un hacker”

Ma ora spunta fuori questa controversa vicenda che ha costretto lo stesso Griveaux, un delfino del presidente della repubblica, Emmanuel Macron, a farsi da parte. Le elezioni avranno luogo a marzo, ma senza di lui. Lui, che in passato è stato portavoce del governo, parla di “vergognosi attacchi alla mia persona. Non intendo più espormi, per il bene sia mio che della mia famiglia. Ogni cosa è lecita per fare del male ad un individuo, da quanto posso vedere. La scelta di farmi da parte mi costa ma è inevitabile. I miei affetti vengono prima di tutto”.

LEGGI ANCHE –> Macron sempre più solo: crolla la popolarità e perde un uomo di fiducia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Video a luci rosse, chi al posto di Griveaux?

Interpellato sulla autenticità di questi video a luci rosse, il diretto interessato ha risposto con un no comment. Quanto accaduto non sta lasciando insensibile lo stesso Macron, che ora avrà il compito di individuare un’altra figura di riferimento per il Municipio di Parigi. Ci sarebbero già diversi nomi importanti in lizza allo scopo di rimpiazzare Benjamin Griveaux. Su tutti quello della attuale ministra della Salute, Agnès Buzyn. Ci sarebbero anche i deputati Mounir Mahjoubi e Pierre-Yves Bournazel ed il senatore Julien Bargeton. Più in subordine la candidatura di Delphine Bürkli, già sindaco del 9° arrondissement.