Home News Niccolò, chi è lo studente italiano 17enne bloccato da giorni a Wuhan

Niccolò, chi è lo studente italiano 17enne bloccato da giorni a Wuhan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:43
CONDIVIDI

Niccolò, chi è lo studente italiano 17enne bloccato da giorni a Wuhan. E’ originario di Grado il ragazzo che si trova da giorni in Cina a causa del dilagare dell’epidemia. La sua vicenda stava per diventare un caso diplomatico.
Niccolò

Il suo stava per diventare un caso diplomatico. Oggi la vicenda di Niccolò, lo studente italiano 17enne bloccato da giorni a Wuhan, si sta avviando alla sua conclusione.

Leggi anche –> Coronavirus, famiglia terrorizzata: neonato di 8 mesi presenta tutti i sintomi

Leggi anche –> Coronavirus Italia | dimessi 20 turisti dallo Spallanzani | Crisi in Cina

Niccolò, chi è lo studente italiano bloccato a Wuhan a causa del Coronavirus

Ha solo 17 anni Niccolò. Sono giorni che il ragazzo è bloccato a Wuhan, ovvero nella città nella quale ha avuto origine l’epidemia che in queste ore è al centro delle cronache di tutto il mondo, ovvero il Coronavirus. Niccolò è originario di Grado ed è uno studente italiano del Liceo Sello di Udine. Negli ultimi giorni la vicenda che lo riguarda stava rischiando di diventare un vero e proprio caso diplomatico.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sono giorni che Niccolò si trova in Cina e precisamente a Wuhan, dove era giunto per un viaggio studio. Sono giorni però che Niccolò non può uscire dal quel Paese a causa dello stato di allerta che si è diffuso in tutta la Cina e volto a limitare al massimo il dilagare del contagio. Secondo quanto affermato dal Ministero degli Esteri, nelle prossime ore però dovrebbe partire un volo diretto in Cina che riporterà a casa il ragazzo nella giornata di sabato. Anche le autorità cinesi sono concordi su quanto affermato dalla Farnesina.

Niccolò non era riuscito, a causa della febbre dalla quale era affetto, a prendere il volo dell’Aeronautica militare che aveva riportato a casa, atterrando a Roma, i nostri 56 connazionali nella giornata del 3 febbraio.
In un primo momento era apparso, secondo quanto affermato dalle autorità cinesi, che non fosse possibile all’aereo atterrare a Wuhan per riportare in Italia il ragazzo. Questo al fine di consentire in primo luogo ai mezzi aerei di trasportare beni di prima necessità nel Paese.
Niccolò