Vacanza da incubo per una famiglia: “Figlia molestata, barricati in stanza”

La vacanza in compagnia dei loro figli si è trasformata in un vero incubo per una famiglia britannica: “Figlia molestata, barricati in stanza”.

Una famiglia britannica in vacanza da sogno con TUI per il loro figlio malato terminale afferma di essersi “barricata nella loro camera d’albergo” a causa di un lavoratore.

Leggi anche –> Super mamma | ha ben 11 figli | “E ne voglio ancora”

Rachel e Stephen Tulsie affermano che il loro viaggio di lusso nella Repubblica Dominicana si è rapidamente trasformato in un incubo dopo che un lavoratore dell’albergo avrebbe accostato la loro figlia quindicenne Leah. La vicenda è stata ricostruita dal tabloid The Mirror.

Leggi anche –> Bambina malata | uomo aiuta la madre per poi molestarla

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La vacanza di una famiglia britannica si trasforma in un incubo

I genitori si sono lamentati con il personale, ma hanno affermato di essere rimasti terrorizzati e che dovevano rimanere nella loro stanza per la paura. TUI sta ora indagando sul reclamo e ha licenziato il dipendente. La mamma della ragazza adolescente molestata ha ricostruito i momenti vissuti dalla figlia, che ha sentito l’uomo urlare: questi ha poi iniziato a seguirla pericolosamente. Quindi il dipendente “prima di rendersene conto si è messo di fronte a lei per bloccare il suo percorso e fisicamente le ha impedito di allontanarsi”. Le urlava frasi sconnesse e ‘WhatsApp! WhatsApp!” indicando il cellulare.

Quindi ha preso il cellulare della ragazza, memorizzando il suo numero proprio sul servizio di messaggeria istantanea. “Si è quindi chiamato sul suo telefono e ha detto ‘chiamo … ci incontriamo’. Leah è tornata di corsa da noi molto spaventata”, conclude la mamma, che sostiene come poi alla figlia sia arrivata la richiesta di amicizia dell’uomo. Il padre di Leah tornò di corsa nella stanza, ma a questo punto l’uomo era scomparso. Successivamente, la famiglia terrorizzata si è praticamente barricata in stanza per il restante tempo della vacanza. Da parte di TUI sono arrivate le scuse e la promessa di indagare su cosa sia accaduto, oltre a un buono spendibile per la prossima vacanza della famiglia.