Giovane papà fa partorire in casa la moglie con una mano sola

Rhys Darby, un intraprendente papà di 28 anni, è entrato in azione dopo che la compagna Jade Brown, 24 anni, ha avuto le doglie cuore della notte. 

E’ riuscito a far partorire la moglie in casa usando una mano solo, dopo essersi rotto un pollice. Rhys Darby, simpatico e intraprentende papà di 28 anni, è entrato in azione dopo che la compagna Jade Brown, 24 anni, ha avuto le doglie nel cuore della notte, come riporta il Mirror. La loro bambina, Ariana, è arrivata così in fretta che suo padre ha dovuto arrangiarsi da solo, e servendosi unicamente della mano destra, mentre armeggiava con asciugamani e telefono. Il braccio sinistro era infatti ingessato perché si era rotto un pollice giocando a calcio.

Leggi anche –> Centralinista eroe: al telefono con lui una donna partorisce in casa 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La straordinaria impresa di papà Rhys

Quando l’ambulanza è finalmente arrivata a casa della giovane coppia a Sunderland, nella contea di Tyne and Wear, Inghilterra nord-orientale, Ariana era già venuta alla luce. “Ci ho pensato già io” ha detto Rhys con un sorriso ai sanitari, lasciandoli sbigottiti. A quel punto hanno dovuto solo tagliare il cordone ombelicale e portare mamma e figlia in ospedale per gli accertamenti di rito… e fortunatamente è andato tutto bene.

“Stavo correndo in cerca degli asciugamani mentre una donna al telefono stava cercando di darmi istruzioni – ha poi raccontato il giovane papà -. Mi sono chinato e ho allungato la mano e la bambina è uscita… L’ambulanza è arrivata due minuti dopo e hanno tagliato il cordone ombelicale”. “Il paradosso – ha aggiunto sorridendo – era che Jade non voleva assolutamente che assistessi al parto…”.

Quanto a Jade, che come il compagno è un’addetta al servizio clienti, si dice “infinitamente fiera di lui per essere riuscito a far nascere nostra figlia in quelle condizioni. È stato fantastico durante e dopo la nascita ed è un papà straordinario per Ariana”. Tutto bene quel che finisce bene.

EDS