Macaulay Culkin rompe il silenzio sugli abusi di Michael Jackson: “Ecco la verità”

Macaulay Culkin affronta apertamente il “caso” Michael Jackson, sostenendo di non aver mai notato atteggiamenti sconvenienti da parte del cantante scomparso.

Macaulay Culkin, celeberrina star del film Mamma ho perso l’aereo, è stato un grande amico di Michael Jackson. Proprio per questo si è sentito in dovere di dire la sua in merito alle note accuse di abusi, molestie sessuali e di pedofilia mosse nei confronti del cantante scomparso, affermando che da bambino non ha mai visto atteggiamenti inappropriati da parte sua. Insomma, secondo lui Michael Jackson non ha mai fatto nulla di male.

Leggi anche –> Stasera in tv, Leaving Neverland: il documentario shock su Michael Jackson

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La parola all’attore amico di Michael Jackson

Macaulay Culkin sarà il protagonista della prossima cover story di Esquire, cui ha rilasciato una lunga intervista di cui il Mirror ha offerto un’anticipazione. “Non mi ha mai fatto niente – ha detto riferendosi a Michael Jackson -. Non l’ho mai visto fare nulla del genere. E, soprattutto in questo momento, non avrei motivo per dire una bugia. Ormai è morto. Non dirò che è alla moda o qualcosa del genere, ma sicuramente questo è un buon momento per parlare. E se avessi qualcosa da dire lo farei sicuramente.”

Culkin si riferisce in particolare al documentario Leaving Neverland, uscito l’anno scorso e che ha fatto molto scalpore. A tal proposito, l’attore ha raccontato il suo incontro con James Franco, che lo salutò e gli chiese appunto della sua amicizia con Michael Jackson, facendo riferimento a quel documentario. In tale circostanza però Culkin disse a Franco: “Non vorrai parlare del tuo amico scomparso?” e chiuse lì la questione.

Quanto alla sua lunga amicizia con Michael Jackson, che aveva ben 22 anni in più di lui, si fondava su molte affinità ed esperienze comune. Innanzi tutto entrambi erano stati spinti dal genitori a entrare nel mondo dello spettacolo fin da piccolissimi, diventando dei bambini prodigio catapultati in un mondo dove il successo può annientare le persone. Il loro legame era così forte che l’attore è diventato anche il padrino della figlia di Michael, Paris, cui è ancora molto legato.

L’ultima volta che lui e Micjhael Jackson si incontrarono fu nel 2005 nel tribunale della contea di Santa Barbara, dove Culkin testimoniò a favore del cantante Jackson, accusato di aver molestato un 13enne. In quell’occasione Michael disse che non voleva influenzare la sua deposizione, per cui non gli avrebbe detto nulla. I due, a quanto pare, si limitarono a scambiarsi un abbraccio prima di salutarsi. Il resto è storia nota alle cronache.

Leggi anche –> Michael Jackson, rivelazione shock dell’ex moglie: “Paris e Prince non sono figli suoi” 

EDS