Chiara Ferragni chiede un privée, il pizzaiolo rifiuta: “I clienti sono tutti uguali”

Il proprietario di una pizzeria ha riportato sui social la chiamata che avrebbe avuto con Chiara Ferragni, in cui ha rifiutato di concederle un privée.

Nelle scorse ore gli utenti social hanno discusso a lungo sullo scambio telefonico tra Chiara Ferragni ed il gestore di una pizzeria di Caserta. A rendere noto il contenuto della telefonata è stato lo stesso proprietario del locale, il quale sulla sua pagina Facebook ha riportato sia la richiesta dell’influencer che la sua risposta.

Leggi anche ->Fedez: “Mi sono fatto male al naso”, Chiara Ferragni sconvolta – VIDEO

Stando a quanto si legge sul profilo di Martucci Francesco, Chiara avrebbe richiesto un tavolo privato: ” Buona sera vorrei prenotare un tavolo da lei, ha un Privee?”. A quella domanda Martucci, proprietario della pizzeria ‘I Masanielli‘ ha risposto: “No Chiara non abbiamo privee”. In seguito ha aggiunto: “Per noi i clienti devono essere trattati tutti allo stesso modo”.

Leggi anche ->Chiara Ferragni, le “istruzioni” per il seno: “Fate così e diventa gigante…”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gli utenti social difendono Chiara Ferragni

In seguito alla pubblicazione del post sono stati innumerevoli i commenti degli utenti social. C’è chi si è complimentato con il proprietario della pizzeria per la risposta che ha dato all’influencer. Mentre altri hanno invece giustificato la richiesta della Ferragni, sottolineando come la sua notorietà le impone di cercare un posto riservato per mangiare in serenità. In effetti i vip sono spesso assaliti dai fan, i quali non si rendono conto che le continue richieste di autografi e selfie possono dare fastidio in determinate circostanze.

C’è infine chi mette in dubbio che la telefonata ci sia stata. Questi sono i fan più accaniti dell’influencer, i quali sanno alla perfezione gli impegni e gli spostamenti del loro idolo. Pare che nelle scorse ore Chiara dovesse prendere un volo per Los Angeles e che, dunque, non avrebbe avuto il tempo per andare a Caserta.