Omicidio Luca Sacchi | “Princi sposta in fretta l’auto di Anastasiya | perché?”

Nel novero delle indagini relative all’omicidio Luca Sacchi, attira l’interesse degli inquirenti la vettura di Anastasiya. C’è un fortissimo sospetto.

Omicidio Luca Sacchi
Omicidio Luca Sacchi occhi puntati sulla vettura di Anastasiya e sullo strano comportamento di Princi FOTO viagginews

La figuradi Anastasiya Kylemnyk continua ad essere controversa nell’ambito dell’omicidio Luca Sacchi. La 25 ucraina, fidanzata del giovane ucciso a Roma nel quartiere Appio Latino il 23 ottobre 2019, recava con se 70mila euro in contanti stipati in uno zaino.

LEGGI ANCHE –> Il padre di Luca Sacchi | “Quel proiettile era per Anastasiya”

Soldi che per gli inquirenti erano destinati all’acquisto di un ingente quantitativo di droga. E lei non poteva non essere a conoscenza della circostanza, come invece ha dichiarato una volta posta sotto interrogatorio. La Procura di Roma che presiede il caso ritiene fondato anche il forte legame tra lei e Giovanni Princi. Quest’ultimo è un amico di Sacchi (avevano frequentato le scuole insieme, n.d.r.) che avrebbe ‘iniziato’ Anastasiya al mondo della droga, essendo lui uno spacciatore. Princi, poco dopo l’assassinio di Luca, avrebbe avuto come premura principale quella di spostare l’auto dell’ucraina. Auto all’interno della quale pare fosse conservato altro denaro sempre finalizzato all’acquisto di grossi quantitativi di sostanze stupefacenti.

LEGGI ANCHE –> Luca Sacchi: processo immediato per 6, c’è anche la fidanzata

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio Luca Sacchi, Princi ha spostato in tutta fretta l’auto di Anastasiya: perché?

Il Tribunale nella sua disamina da sapere quanto segue. “In assenza di plausibili e lecite spiegazioni, è ragionevole ritenere che nell’auto con cui Anastasiya Kylemnyk era giunta al pub quella sera vi fosse qualcosa da occultare con assoluta urgenza. Verosimilmente la restante somma di denaro, oltre a quella occultata nello zaino e mostrata a Rispoli, destinata ai fornitori”. È forte insomma il sospetto che la Citroen C1 di colore giallo dovesse servire nell’affare della compravendita di droga. Anastasiya ha negato di avere usato la macchina per arrivare all’appuntamento con Pirino e Del Grosso assieme a Luca. Fatto sta che Princi, mentre Luca era in ospedale dove poi sarebbe morto poco dopo, ha pensato a spostare l’utilitaria in tutta fretta dalla scena del delitto.