Moglie uccide marito | lo attira in una trappola e gli dà fuoco FOTO

Una moglie uccide marito con la complicità dell’amante e del figlio di lei. Efferato il piano che ha portato la donna a finire il proprio coniuge.

moglie uccide marito
Una moglie uccide marito dopo avergli teso un tranello FOTO viagginews

Per gli inquirenti non ci sono dubbi: moglie uccide marito con la complicità dell’amante e tenta di nascondere le tracce del delitto. Questo è il quadro ricostruito dalle forze dell’ordine dopo avere raccolto tutti gli elementi a loro disposizione in merito alla morte di Vincenzo Cordì.

LEGGI ANCHE –> Femminicidio | marito tenta di bruciare la moglie | lei riesce a scappare

L’uomo venne ritrovato carbonizzato all’interno della sua auto, in una zona d’altura isolata nelle campagne di San Giovanni di Gerace, in provincia di Reggio Calabria. E ci sono motivi per pensare che la vittima – originaria di Roccella Jonica e che lavorava come cameriere – fosse ancora vivo quando la moglie, Susanna Brescia, gli ha dapprima sparato e poi dato fuoco. Quest’ultima lo avrebbe cosparso di benzina per poi appiccare il fuoco. Il ritrovamento del corpo di Cordì risale al 13 novembre del 2019. Nelle prime ore di lunedì 3 febbraio 2020, i carabinieri hanno compiuto un blitz a casa della donna, traendola in arresto.

LEGGI ANCHE –> Famiglia uccisa, i narcos bruciano vivi donne e bambini – FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Moglie uccide marito, arrestati anche l’amante ed il figlio di lei

Assieme a lei sono finiti in manette l’amante della stessa Susanna Brescia ed il figlio della donna, nato dal suo primo matrimonio. Per tutti loro l’ipotesi di reato è quella di omicidio preterintenzionale, con movente da ricercare nell’ambito familiare. La moglie uccide il marito, nella ricostruzione delle autorità, in quanto quest’ultimo avrebbe scoperto che lei lo tradiva. Susanna Brescia avrebbe persuaso Vincenzo Cordì ad andare alla ricerca di funghi in una zona montana isolata, dove lei gli avrebbe teso un agguato, con la complicità degli altri due uomini. La scelta di dare fuoco al consorte ed all’auto sarebbe stata presa nel tentativo di far sparire qualsiasi traccia.