Coronavirus in Italia, l’infettivologo: “Altri 12 ricoverati allo Spallanzani”

Coronavirus in Italia, l’infettivologo Nicastri: “Altri 12 ricoverati allo Spallanzani”, le ultime notizie dall’ospedale e la paura nel Paese.

(Getty Images)

Ci sarebbero state altre 12 persone sono ricoverate all’ospedale Spallanzani di Roma con “sintomi respiratori modesti” riconducibili al Coronavirus. Lo afferma il prof. Emanuele Nicastri, infettivologo della struttura. Si attendono i risultati delle analisi. Ieri i primi due casi accertati nel nostro Paese.

Leggi anche –> Coronavirus, Italia dichiara Emergenza Sanitaria per 6 mesi

Si prepara intanto il rimpatrio dei nostri connazionali che si trovano nella zona di Wuhan, in Cina, epicentro dell’epidemia. In ogni caso, da quello che si apprende, i 2 cinesi ricoverati allo Spallanzani sarebbero in condizioni ‘discrete’.

Leggi anche –> Coronavirus, Italia blocca i voli con la Cina

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus: le ultime notizie dall’Italia

Mappa Coronavirus

Sarebbe negativo un altro caso segnalato a Roma, mentre l’assessore regionale della Lombardia al Welfare, Giulio Gallera, spiega che la comitiva di turisti della quale facevano parte i cinesi contagiati non si sono fermati a Milano. Dallo Spallanzani, nella conferenza stampa, i medici hanno evidenziato poi che “altri 20 pazienti asintomatici che hanno avuto contatti primari con la coppia sono in osservazione”. Nove persone sono state infine dimesse dopo esito negativo del test. La situazione sembra dunque al momento nel totale controllo delle autorità sanitarie nazionali, che stanno affrontando l’emergenza nel migliore dei modi.

Ma la fobia del Coronavirus sta sfociando in episodi poco gradevoli nei confronti della popolazione di origine cinese presente sul territorio italiano. Nei pressi della Fontana di Trevi, ad esempio, è apparso un cartello in cinese che invita a “non entrare” e ovunque sul territorio nazionale si segnalano casi di “precauzioni” prese nei confronti di persone di origine cinese. Come spesso capita in questi casi, soprattutto attraverso i social, ma anche su WhatsApp, sono tantissimi le fake news costruite ad arte.

Gestione cookie