Alessio Vinci, ritrovato il suo pc a casa del nonno: la verità

Nuove rivelazioni per la morte di Alessio Vinci, scomparso lo scorso anno a Parigi: ci sono tante ombre ancora sulla vicenda

Alessio Vinci
(Facebook)

Ancora nuovi dettagli sul mistero della scomparsa di Alessio Vinci, ragazzo genio della matematica trovato morto a Parigi un anno fa. Soltanto due codici strani con un nome di donna, Greta e un computer nell’armadio chiuso. Dopo una veloce indagine la polizia francese ha optato per il suicidio, ma la vicenda ancora non è chiara. La domanda sorge spontanea: perché uno studente universitario di Ingegneria aerospaziale a Torino, uscito dal Liceo col massimo dei voti, vola in una città a lui sconosciuta per lanciarsi da una gru di Porte Maillot? Il ragazzo aveva prenotato undici giorni prima una camera d’albergo per una notte a 461 euro. Nella camera d’albergo gli investigatori hanno trovato una lettera d’addio, un foglio di carta con un codice “E.T.P. je sais CAM 381ASLCM”, scritto al contrario e fotografato con la webcam del Pc per poi metterlo come sfondo dello schermo; poi una sigla alfanumerica e, infine, una sigla S11900018 su un cartoncino.

LEGGI ANCHE >>>  Chi è Alessio Vinci: storia dello studente italiano morto a Parigi


Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alessio Vinci, la nuova rivelazione

Indizi strani che hanno portato anche ad una nuova scoperta, ossia quella del suo portatile a casa del nonno Enzo, dove ha sempre vissuto dopo la morte della madre. L’avvocato Marco Noto ha svelato che darà il portatile ai carabinieri dopo il ritrovamento del nonno: “È il computer che ha usato almeno fino a fine dicembre, quando gli hanno regalato quello che poi è stato trovato a Parigi. Lì potrebbe esserci la chiave del mistero”.

ragazzi morto alessio vinci
Alessio Vinci, il ragazzo morto a Parigi: era un vero portento