Giorgia Meloni in Tribunale: “Ho paura per mia figlia”

L’ex ministro Giorgia Meloni, in Tribunale come parte civile nel processo contro il suo stalker, ai giudici: “Ho paura per mia figlia”.

(screenshot video)

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ha dovuto depositare oggi nel processo che la vede parte civile. A fine luglio scorso, il suo stalker Raffaele Nugnes venne arrestato dalla Digos in provincia di Caserta.

Leggi anche –> Giorgia Meloni commenta sui social il caso della bimba nigeriana morta a Sondrio

L’uomo le avrebbe rivolto, secondo l’accusa, pesanti minacce, giunte soprattutto via Facebook. Alla Meloni è arrivata la solidarietà da più parti, anche dagli avversari politici, come il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Leggi anche –> “Mi chiamo Giorgia Meloni e sono presa di mira per il nome” – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il processo allo stalker di Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, in aula di Tribunale, ha raccontato il dramma che ha vissuto a causa dello stalker: “Ho paura per mia figlia che ha appena 3 anni. La notte non dormo per questa vicenda, per le minacce che quest’uomo mi ha rivolto via Facebook. Lui sosteneva che gliel’ho strappata, che la bambina era sua, che prima o poi sarebbe venuto a riprendersela a Roma”. Per la politica, l’ansia è cresciuta nel tempo.

Ricorda infatti: “Io vivo spesso fuori casa e il mio stato d’ansia è enormemente cresciuto, perché ho dovuto prendere particolari cautele. Non bastava più la baby sitter per controllare mia figlia”. Quindi ha evidenziato: “Ho appreso dei messaggi minatori solo quando, più o meno in contemporanea, è stata allertata dalla Digos e mia sorella. Le era arrivato un video intimidatorio riconducibile all’imputato”. E conclude: “Il mio modo di vivere è ovviamente cambiato”.