Regionali 2020, voto di primavera: dove si vota e candidati – VIDEO

Dopo le elezioni in Emilia Romagna e Calabria, tutto pronto per le nuove Regionali 2020, il voto di primavera: dove si vota e candidati.

Poi un altro pezzo: Regionali 2020, le prossime sfide in primavera
Gabriele, ecco anche il secondo: https://youtu.be/6Ayg6Yq0J14

Accantonati i risultati in Emilia Romagna e Calabria, si pensa già alle elezioni regionali previste in primavera. Si voterà tra maggio e giugno in Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto.

Leggi anche –> Regionali, accordo centrodestra: liste e candidati unitari

Il voto di domenica 25 gennaio ha riservato forse qualche sorpresa: se infatti per le elezioni in Calabria l’esito era scontato ed è stato confermato, diversa la situazione in Emilia Romagna.

Leggi anche –> Elezioni Emilia Romagna | Mihajlovic tifa Salvini | “Fidatevi di lui”

Elezioni Regionali Umbria
(Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Candidati Regionali 2020: dove si vota in primavera

Stavolta, nella Regione ‘rossa’ per eccellenza, c’erano più possibilità per il centrodestra, invece sono stati quasi 200mila i voti in più raccolti dal governatore uscente, Stefano Bonaccini. Intanto, la campagna elettorale è già aperta nelle Regioni in cui si voterà tra maggio e giugno di quest’anno. Si tratta di sei Regioni, da Nord a Sud, e ci si aspettano ovviamente sorprese.

Poca chiarezza ancora tra gli schieramenti: si dà per certa la ricandidatura dei governatori uscenti Vincenzo De Luca in Campania e Michele Emiliano in Puglia. In queste due Regioni, gli sfidanti dovrebbero essere Stefano Caldoro e Raffaele Fitto. Per il centrodestra, si ricandideranno Giovanni Toti in Liguria e Luca Zaia in Veneto. Sul voto peseranno 2 incognite: la capacità di ripresa del Movimento 5 Stelle, dopo la batosta di domenica, e il ruolo di Italia Viva e Azione, che con Renzi e Calenda hanno annunciato la possibilità di candidature unitarie ma fuori dal centrosinistra. Una divisione che potrebbe favorire il centrodestra, che si presenta unitario.