Luca Sacchi, il miglior amico: “Lui era succube di Anastasiya”

Omicidio di Luca Sacchi, il miglior amico rompe il silenzio e in un’intervista spiega la sua verità: “Lui era succube di Anastasiya”.

omicidio Luca Sacchi

Nel caso della morte di Luca Sacchi, sembra ormai evidente il ruolo avuto dalla fidanzata della vittima, la 25enne modella ucraina e babysitter Anastasiya Kylemnyk. Questa andrà a giudizio immediato, insieme ad altre 5 persone.

Leggi anche –> Luca Sacchi voleva lasciare Anastasiya, ma non ci riusciva: la rivelazione del papà

Sulla giovane donna, sono stati espressi molti giudizi e inoltre si è messo in luce il suo ruolo nell’intera vicenda.

Leggi anche –> Omicidio Luca Sacchi | il padre | “Quel proiettile era per Anastasiya”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le parole del migliore amico di Luca Sacchi

Omicidio Luca Sacchi

La giovane assieme a Giovanni Princi, amico di liceo della vittima, finiscono sotto processo per la compravendita di droga, insieme a Del Grosso e a Pirino, i 2 considerati gli autori materiali dell’omicidio. Intanto interviene Nicholas Di Nicola, uno dei migliori amici della vittima. Il 23enne, intervistato dal quotidiano ‘Il Tempo’, rivela che “Luca era succube di Anastasiya”.

Parole che – se da un punto di vista penale non hanno rilevanza – mettono un altro tassello all’interno di questa vicenda luttuosa, costata la vita a un giovane. L’amico di Luca Sacchi evidenzia: “Luca si faceva trascinare senza valutarne le conseguenze. Lei aveva una forte influenza su Luca”. Il giovane fa anche un esempio: “Benché avessi cenato con Luca a base di carne, Luca per accondiscendere alle volontà di Anastasiya e Giovanni (Princi), che avevano abitudini vegane, faceva mostra sui social network di esserlo anche lui”.

omicidio Luca Sacchi