Home News Pesce attacca subacqueo mentre pesca e gli trafigge il collo

Pesce attacca subacqueo mentre pesca e gli trafigge il collo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:35
CONDIVIDI

Un sedicenne ha rischiato la vita dopo che un pesce, un aguglia, lo ha colpito trapassandogli il collo di netto. I medici sono riusciti a salvarlo.

Un ragazzo di 16 anni, Muhammad Idul, ha rischiato grosso durante una battuta di pesca a largo di Buton, piccolo villaggio situato in Indonesia. Il giovane si trovava in acqua insieme alla madre e, dopo aver passato del tempo sotto la superficie del mare, era riemerso e si stava dirigendo verso la barca d’appoggio. Nel contempo un’aguglia, attirata dalla luce dei riflettori puntati in acqua, è saltata fuori dall’acqua e lo ha colpito in pieno collo.

Leggi anche ->Squalo mangia uomo | trovata mano con fede nuziale nello stomaco

Pesce piccolo di dimensioni, ma dotato di una bocca affusolata e appuntita, quando si dà la spinta per uscire dall’acqua arriva ad una velocità tale da poter infilzare qualsiasi cosa si trovi nei paraggi. Sono stati numerosi, in passato, gli episodi di pescatori feriti e addirittura uccisi da questo pesce. Sorte che sarebbe potuta toccare anche a Muhammad, ma che grazie alla tempestività dei soccorsi ed alla bravura dei medici è stata evitata.

Pesce trafigge al collo un adolescente: operato d’urgenza

Immediatamente dopo l’accaduto, gli altri pescatori si sono accorti di quanto era successo dalle urla del ragazzo. Com’è possibile vedere dalla foto emersa in rete, l’aguglia aveva trapassato il collo, rimanendo incastrata nel corpo del ragazzo. Il punto in cui era stato colpito era talmente delicato che cercando di rimuovere il pesce si rischiava d’ucciderlo. Così Muhammad è stato portato immediatamente in ospedale dove è stato sottoposto ad una delicata operazione di rimozione dell’animale. Qualsiasi incertezza o movimento errato sarebbe costato la vita al giovane pescatore, ma per fortuna tutto è andato per il meglio ed il ragazzo si trova in fase di recupero. Non è chiaro quanto tempo debba rimanere ricoverato, ma non è più in pericolo di vita.