Home News Loredana Bertè durissima: “Il premio Mia Martini? Ecco chi è da escludere”

Loredana Bertè durissima: “Il premio Mia Martini? Ecco chi è da escludere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:47
CONDIVIDI

Niente Premio Mia Martini a chi promuove la violenza delle donne donne. E’ la richiesta avanzata via social da Loredana Bertè. 

Loredana Bertè non lo nomina mai, ma è fin troppo facile immaginare che il riferimento implicito sua a Junior Cally, il noto rapper finito nel mirino per aver composto testi per le proprie canzoni inneggianti alla violenza. E alle polemiche scatenate, in particolare, da un suo brano del 2017, e ora tornate a riaccendersi per via della sua presenza al Festival di Sanremo.

Leggi anche –> Chi è Loredana Bertè: età, carriera, vita privata, amori e segreti della cantante 

Di qui l’accorato appello lanciato sui social da Loredana Bertè: “Chiedo ai giornalisti della Sala Stampa dell’Ariston di escludere, a priori, una possibile candidatura al Premio della critica Mia Martini di qualsiasi artista che promuova attraverso i suoi testi violenza fisica o verbale verso le donne o misoginia in generale”.

Leggi anche –> Junior Cally, chi è il rapper italiano: carriera e curiosità

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’appello di Loredana Bertè in vista di Sanremo 2020

Loredana Bertè riapre una dolorosa pagina del suo passato per difendere e onorare la memoria di Mia Martini: “Mia sorella – ricorda la cantante – è stata per anni vittima di bullismo ‘verbale’ e non credo che avrebbe mai voluto che il suo nome venisse associato a certi ‘soggetti’ che andrebbero SQUALIFICATI (come avvenuto di recente e giustamente in un’altra trasmissione di successo) per istigazione alla violenza sulle donne e per il pessimo messaggio che arriva ai giovanissimi”. Resta da vedere, ora, se e come la richiesta dell’artista sarà accolta.

Leggi anche –> Mia Martini, ombre e sospetti sulle cause della morte: ecco la verità

Leggi anche –> Sanremo 2020 | Salvini contro Junior Cally: “la violenza a casa tua, non in pubblico”

EDS