Home News Flavio Insinna, il ricordo del dramma: “Mio padre mi ha fatto curare”

Flavio Insinna, il ricordo del dramma: “Mio padre mi ha fatto curare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06
CONDIVIDI

Flavio Insinna ha rivelato qualche anno fa di aver vissuto in giovinezza un periodo di profonda depressione dal quale non è mai totalmente uscito.

Flavio InsinnaSiamo abituati a vedere Flavio Insinna in televisione come una persona sorridente e solitamente pronto a scherzare e fare battute. Da un primo sguardo, dunque, si direbbe che il conduttore sia una persona felice, capace di trasformare anche i momenti più difficili in attimi di felicità. Eppure, come molti personaggi del mondo dello spettacolo, ciò che si vede su schermo non necessariamente corrisponde alla vita reale. Sebbene sia vero che negli anni abbia imparato ad essere felice ridendo anche quando non ce n’è motivo, Flavio ha ammesso qualche tempo fa di aver vissuto un periodo della vita difficile che lo ha segnato e che gli è rimasto dentro.

Leggi anche ->Flavio Insinna, chi è la fidanzata Adriana Riccio: età, lavoro, vita privata, foto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Flavio Insinna: “Mio padre mi ha fatto curare”

Il periodo a cui fa riferimento Insinna non è quello in cui ha subito violente critiche per il comportamento con la concorrente, ne quando è stato criticato per la conduzione de ‘L’Eredità‘, programma per il quale ha dovuto combattere con l’ingombrante paragone con Fabrizio Frizzi. L’episodio a cui fa riferimento riguarda la sua giovinezza e lo ha svelato durante un’intervista a ‘Le Invasioni Barbariche‘ del 2015. Parlando di quel periodo Insinna ricorda come la depressione lo avesse attanagliato e non riuscisse ad uscirne fuori.

Il suo dramma era tale che il padre si è visto costretto a ricorrere ad un aiuto specialistico, ma quella terapia ha funzionato in parte: “Sono stato depresso, mio padre mi ha fatto curare e un po’ ne sono uscito e un po’ no. C’è chi dice che se hai il graffio nell’anima o fai lo psicanalista o fai l’attore. Io oggi mi voglio sicuramente più bene e ho imparato a sorridere sempre anche senza un motivo vero per essere felice”.

Insinna insulti