Home News Uova e formaggi contaminati: richiamati lotti da non consumare

Uova e formaggi contaminati: richiamati lotti da non consumare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:01
CONDIVIDI

Allerta per uova e formaggi contaminati: richiamati lotti da non consumare, tutte le informazioni utili, quali tipi e a chi rivolgersi.

(Pixabay)

Scattano nuove allerte alimentari in Italia, che riguardano prodotti di uso comune come uova e formaggi. Si tratta soltanto di alcune tipologie e specifici lotti.

Leggi anche –> Acqua Vera ritirata | “Presenza di batteri nocivi” | tutte le info FOTO

Come sempre, dunque, il consiglio è quello di verificare i lotti, ma di non allarmarsi, evitando eventualmente di consumare i prodotti.

Leggi anche –> Prodotto ritirato listeria, l’allarme dal Ministero della Salute: tutte le info

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lotti di uova e formaggi richiamati: tutte le informazioni utili

Per quanto concerne le uova, emesso dal Ministero della Salute il richiamo precauzionale di un lotto di uova biologiche fresche di vario calibro vendute con i marchi Amadori, Verso Natura Conad e Cascina Italia. Il rischio è quello di contaminazione microbiologica. Le uova interessate sono tutte identificate dal lotto 5528139926 e dal termine minimo di conservazione 08/02/2020.

Le uova sono state prodotte dall’Azienda Agricola Olivero Claudio nello stabilimento di via Rigrasso 9, a Monasterolo di Savigliano, in provincia di Cuneo, azienda già oggetto di un precedente richiamo il 17 gennaio 2020. In quel caso, sono stati richiamati numeri di lotto 1A130120, 2A130120 e 2C130120 con termine minimo di conservazione 10/02/2020 e 1A140120 e 2C140120 con termine minimo di conservazione 11/02/2020.

Invece, per rischio listeria sono stati richiamati i lotti di alcuni formaggi di tipo Puzzone di Moena, tipico della Val di Fassa, con marchi Regione che Vai e Trentin Spa. Nel primo caso, il prodotto con i lotti 21324 e 21324A non deve essere consumato e può essere restituito in qualsiasi punto vendita ALDI. Nel secondo caso, il prodotto con i lotti 21324, 21324A e 21324N non deve essere consumato e va restituito in qualsiasi punto vendita Maxi Di.