Home News Coronavirus: bambina ricoverata in California per un mese

Coronavirus: bambina ricoverata in California per un mese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:09
CONDIVIDI

Una bambina di tre anni in California è stata ricoverata in ospedale per un mese con un diverso ceppo del micidiale coronavirus che ha ucciso 17 persone in Cina.

La bambina ricoverata per Coronavirus

Una bambina di tre anni in California è stata ricoverata in ospedale per un mese con il coronavirus, ma è un ceppo diverso e meno grave del virus mortale che ha ucciso almeno 17 persone in Cina.

Leggi anche –> Coronavirus in Cina: gli ultimi aggiornamenti

Intanto, la fobia per il nuovo coronavirus cresce in tutto il mondo i controlli vengono intensificati anche in Italia.

Leggi anche –> Il Coronavirus potrebbe essersi diffuso tramite la zuppa di pipistrello

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambina ricoverata per coronavirus: cosa è accaduto

Aliyah Cardoza, di Azusa, è stato ricoverato in ospedale il 23 dicembre con quelli che sembravano essere i sintomi dell’influenza comuni. Ma la situazione è precipitata e alla bambina sono stati diagnosticati coronovavirus, micoplasma, sindrome respiratoria acuta e polmonite. Un mese dopo, Aliyah viene intubata all’ospedale pediatrico di Los Angeles con un tubo respiratorio e un tubo toracico, ha detto sua madre Gloria Aguilera.

Ad Aliyah è stato diagnosticato il ceppo NL63 del coronavirus, una famiglia di virus che si estende da sintomi comuni simili al raffreddore a gravi malattie respiratorie. Il ceppo NL63 è diverso dal ceppo 2019-nCoV, noto anche come Novel Coronavirus. Quest’ultimo ha ucciso 17 persone e fatto ammalare centinaia in Cina, portando il paese a isolare tre città per impedirne la diffusione. Il coronavirus umano NL63 ha avuto identificazione per la prima volta alla fine del 2004. Si tratta di un virus comune in tutto il mondo correlato alle infezioni del tratto respiratorio e alla bronchiolite. È comune nei bambini piccoli e negli anziani. Si ritiene che si diffonda attraverso la trasmissione diretta da persona a persona in aree altamente popolate. La maggior parte delle infezioni lievi e moderate del virus scompaiono da sole. I pazienti infetti con sintomi più gravi possono ricevere un trattamento antivirale.