Home News Sindrome da shock tossico | amputazioni per una coppetta mestruale

Sindrome da shock tossico | amputazioni per una coppetta mestruale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:52
CONDIVIDI

L’utilizzo di una semplice coppetta mestruale scatena in una 36enne una violenta sindrome da shock tossico. Le conseguenze sono disastrose per lei.

Sindrome da shock tossico
Sindrome da shock tossico FOTO viagginews

Una donna si è vista amputare i piedi e parti di alcune dita delle mani dopo che l’utilizzo di una coppetta mestruale le ha procurato una violenta sindrome da shock tossico. Lei si chiama Sandrine Graneau, ha 36 anni, e vive nella Loire-Atlantique, in Francia. Purtroppo l’applicazione di quell’oggetto ha portato all’insorgere di una grave infezione che si è rapidamente diffusa a reni, polmoni e fegato.

LEGGI ANCHE –> Brescia, muore la 48enne ricoverata per meningite

Sono bastate poche ore con quell’accessorio addosso nell’aprile 2019 per scatenare tutto questo. Sandrine ha 3 figli e notò che qualcosa non andava a causa di inspiegabili e lancinanti dolori allo stomaco. Un medico la visitò, diagnosticandole dei calcoli renali. All’indomani sempre lo stesso dottore ritornò per un secondo controllo. Ma fu necessario andare al pronto soccorso a causa di una pressione sanguigna calata in maniera preoccupante. Qui venne infine riscontrata una fortissima sindrome da shock tossico. Anche a seguito della colorazione rossa anomala della sua pelle. Questa patologia avviene quando un batterio che normalmente vive sulla pelle, dalla superficie entra più in profondità nel corpo.

LEGGI ANCHE –> Ragazza uccisa da ambulanza | morta dopo 10 giorni di ricovero

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sindrome da shock tossico, una patologia tanto rara quanto letale

Così facendo rilascia delle tossine che danneggiano il tessuto e bloccano il funzionamento degli organi. Ed è proprio quanto capitato a questa sfortunata donna, che si è vista distruggere i tessuti di braccia e gambe. L’amputazione di piedi e di alcune dita era inevitabile per impedire la diffusione del male nel resto del corpo. In totale i medici hanno dovuto troncare 18 ossa delle dita. Dopo tre settimane di ricovero in Terapia Intensiva, Sandrine ha iniziato ad usare delle protesi per imparare a camminare. Lei intanto si è voluta lanciare in una campagna di supporto psicologico per le persone che subiscono contraccolpi da amputazioni per via della sua malattia. Si tratta di una patologia rara ma estremamente pericolosa. Infatti senza contromisure può portare rapidamente alla morte. E spesso tale malattia è spesso associata a giovani donne che usano tamponi. Nel Regno Unito, ci sono circa 40 casi di sindrome del genere e grossomodo tra i 3.000 ed i 12.000 negli Stati Uniti.