Home News Michael Schumacher, spuntano le foto rubate che rivelano le sue condizioni

Michael Schumacher, spuntano le foto rubate che rivelano le sue condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:07
CONDIVIDI

Si parla di foto rubate che ritrarrebbero Michael Schumacher nella sua casa in Svizzera. E ci sarebbe chi vorrebbe un milione per venderle.

Schumacher
Michael Schumacher si parla di foto rubate in vendita per una fortuna FOTO viagginews

Alcune foto carpite in maniera illecita in casa di Michael Schumacher sarebbero state offerte ad alcuni giornali. Ed in cambio non certo di quattro spiccioli. Lo riporta il tabloid inglese ‘Mirror’, secondo il quale circolerebbero delle istantanee messe in vendita per un milione di sterline. Al cambio circa un milione e 118mila euro.

LEGGI ANCHE –> Michael Schumacher compie 51 anni: lo sketch con Luciana Littizzetto

L’indimenticabile pluricampione di Formula 1 versa in stato pressoché vegetativo dal 29 dicembre 2013. Ovvero dal giorno in cui quella che sembrava essere una banale caduta sulle nevi a Meribel, presso Grenoble in Francia, finì con il rovinargli la vita. Da allora ‘Schumi’ vive come blindato nella sua casa in Svizzera, con la sua famiglia che non lascia trasparire alcuna notizia. La lunga riabilitazione prosegue senza che giungano grossi aggiornamenti. Questo per volontà principalmente della moglie Corinna.

LEGGI ANCHE –> Chi è la moglie Corinna Betsch: età, carriera e vita privata del campione tedesco

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Schumacher, le tappe della sua lunga odissea

Fatto sta che se questa vicenda delle immagini rubate in vendita fosse vera, si tratterebbe di una enorme violazione della privacy. Proprio Corinna pare abbia già preso le necessarie contromisure contro la divulgazione di queste immagini. La donna avrebbe allertato la polizia ed il suo pool di avvocati. E per quanto riguarda Schumacher, nei mesi scorsi c’era stata una visita a Parigi avvenuta in gran segreto. L’ex asso della Ferrari fu visitato all’ospedale ‘Georges Pompidou’ di Parigi per la messa in pratica di un trattamento speciale a base di cellule staminali. Quel che si sa sul conto del 51enne tedesco è che ha subito due operazioni molto importanti e che inizialmente era rimasto in coma artificiale per un mese e per svariati altri in rianimazione. Poi da giugno 2014 vive in casa, senza che alcuna informazione trapeli sul suo stato di salute.