Ragazzina incinta | va in ospedale al settimo mese a 12 anni

Una ragazzina incinta si presenta in ospedale con dei dolori lancinanti. Colpa della gravidanza in stato avanzato in corso.

Una ragazzina incinta a soli 12 anni. È quanto di sconcertante avvenuto a Perugia, dove la adolescente si è presentata di sua spontanea volontà in ospedale, al ‘Santa Maria della Misericordia’. Ai medici ha riferito di avvertire costanti dolori addominali, molto forti. Al punto da essere insopportabili.

LEGGI ANCHE –> Bimbo di 10 anni mette incinta la fidanzata di 13: “Caso allarmante”

Gli esami ai quali i dottori l’hanno sottoposta hanno però portato all’emergere della reale versione dei fatti. Quegli spasmi lancinanti erano dovuti al fatto che la ragazzina versasse in dolce attesa, con la vicenda che è avvenuta durante lo scorso fine settimana. L’adolescente non era consapevole di trovarsi in uno stato di gravidanza ormai prossimo alle fasi conclusive. Si trova al settimo mese di gestazione e la cosa ha ricevuto delle conferme ufficiali da parte della Questura del capoluogo umbro. Ad accompagnare la ragazzina incinta in ospedale c’era il fratello, anche lui minorenne da quanto risulta.

LEGGI ANCHE –> Una famiglia con bimba piccola e mamma in gravidanza al gelo: i poliziotti pagano per loro

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ragazzina incinta, lei svela l’esistenza di un fidanzatino di 14 anni

Subito i medici hanno avvisato la polizia, che ha inoltrato una richiesta al Tribunale dei Minori di Perugia. L’adolescente è in affidamento temporaneo proprio al personale medico, mentre le autorità sono al lavoro nel tentativo di rintracciare i genitori. La 12enne ha origini dell’Europa dell’Est. Versa in buone condizioni di salute ed avrebbe negato di avere avuto dei rapporti, anche se ovviamente questa affermazione non corrisponde a realtà. Inoltre lei stessa avrebbe parlato di un fidanzatino 14enne, a questo punto fortemente sospettato di averla messa incinta. Dal fratello i medici hanno ricevuto una cartella clinica con all’interno dei certificati rilasciati da un dottore del Paese di provenienza. Le carte parlerebbero della assenza di gravidanze in corso, nonostante il settimo mese ormai raggiunto. Le indagini proseguono, anche se non mancano diverse difficoltà.