Tiberio Timperi, furto d’identità: il presentatore sporge denuncia

Nelle scorse ore Tiberio Timperi ha comunicato ai fan di aver sporto denuncia alla Polizia Postale dopo aver un falso profilo a suo nome su Facebook.

tiberio timperi compleanno
Tiberio Timperi compie gli anni (screenshot video)

Praticamente ogni personaggio pubblico ha dovuto lottare contro il proliferare di profili social riportanti il proprio nome e le proprie foto. Alcune celebrità, come Belen ad esempio, hanno ovviato all’inconveniente mettendo il bollino di autenticità al proprio profilo (Belen Rodriguez real), altri invece preferiscono denunciare il furto d’identità alle autorità competenti.

Leggi anche -> Tiberio Timperi e Francesca Fialdini, insieme a Unomattina in famiglia?

A questa seconda categoria appartiene Tiberio Timperi. Il conduttore Rai si è da poco accorto che qualcuno aveva utilizzato il suo nome e le sue foto per creare un falso profilo su Facebook. La sua reazione è stata immediata, ha segnalato il falso profilo al social e denunciato alla Polizia Postale. Tiberio, infatti, era preoccupato dell’utilizzo che il ladro d’identità avrebbe potuto fare con quel profilo.

Leggi anche ->La vita in Diretta, Tiberio Timperi se ne va: al suo posto Massimo Giletti?

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tiberio Timperi denuncia furto d’identità su Facebook

Dopo aver sporto regolare denuncia, Tiberio ha comunicato il furto d’identità ai proprio follower su Instagram scrivendo: “Come la Settimana Enigmistica ‘vanto’ numerosi tentativi di imitazione. Chissà chi ci sarà dietro, cosa avrà intenzione di fare. Altro lavoro per gli amici della Polizia Postale. Il cybercrime è la nuova frontiera”. I suoi fan hanno concordato con lui che in questi casi l’unica cosa da fare è denunciare alle autorità competenti. Per quanto riguarda il possibile utilizzo del profilo, qualcuno ha avanzato una serie di ipotesi, come questa: “Fregare donne credulone con la tua faccia! Ogni giorno me ne arrivano un paio di questi profili che segnalo e poi vengono rimossi, una storia infinita”.

tiberio timperi