Nonno a 38 anni, la gioia di Mirko: “E’ presto, ma sono pieno di gioia”

A soli 38 anni è diventato nonno. Mirko, diventato padre a soli 20 anni, si gode la lieta novità e si definisce pazzo per la nipotina appena nata.

Non esiste evento che rechi più gioia che la nascita di un figlio o di un nipote. Lo sa bene Mirko, macellaio di Maerne (Venezia) che è diventato padre quando aveva appena 20 anni (la compagna solo 17) e che adesso si trova a gioire per la nascita della nipotina a soli 38 anni. Il suo primogenito, infatti, lo ha battuto in precocità, diventando padre a soli 18 anni e mezzo. La rapidità nell’assumersi il compito di genitore, evidentemente, è una caratteristica di famiglia e il giovane nonno ne è soddisfatto.

Leggi anche ->Parto record: donna dà alla luce due gemelle a 73 anni

Intervistato dopo il parto della nuora, infatti, Mirko ha ammesso che è stata una gravidanza inaspettata, ma ha anche sottolineato che è stato felice nell’apprendere la lieta notizia: “Non me l’aspettavo che anche mio figlio fosse così veloce, ma ho accolto con gioia questo lieto evento: del resto sono diventato genitore molto presto anch’io. Anzi, mi sembra di rivedermi alla sua età”.

Leggi anche ->Mamma da record, partorito il 21° figlio: “Questo è l’ultimo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nonno a 38 anni: “Sono già pazzo della mia nipotina”

In un contesto sociale in cui gli italiani calcolano alla perfezione il momento in cui diventare genitori, la storia di Mirko e del figlio va in controtendenza. Si dice che nella società attuale non sia più possibile prendersi una simile responsabilità prima di aver completato un percorso di studi ed aver trovato un lavoro che permetta di mantenere la prole al meglio, ma non è detto che una nascita inaspettata non possa essere il punto d’inizio di una vita meravigliosa.

Consapevole di questo è il macellaio nonno che, basandosi sulla propria esperienza, dice: “Il fatto di avere una così grande responsabilità è stato per me uno sprone a darmi da fare, a rimboccarmi le maniche e a lavorare sodo per costruirmi una posizione solida per la mia famiglia: ho lavorato come macellatore, poi ho aiutato mio padre in macelleria, con tanti sacrifici. Mi sono messo in proprio e ora gestisco anche un allevamento di maiali. Anche mio figlio ha un lavoro stabile di idraulico e questo mi conforta e mi rassicura per il futuro della nuova famiglia che sta formando”. Per quanto riguarda la nuova arrivata poi aggiunge: “Sono già pazzo della mia nipotina”.