Omicidio Luca Sacchi, l’assassino confessa tutto: Anastasia in guai seri

Omicidio Luca Sacchi, l’assassino confessa tutto: Anastasia in guai seri. Rischia di peggiorare ulteriormente la posizione della fidanzata della vittima. 

omicidio Luca Sacchi

Come riporta il settimanale Giallo Valerio Del Grosso, lo spacciatore che ha ucciso Luca Sacchi a Roma la sera del 23 ottobre scorso, ha deciso di parlare ai giudici e di raccontare tutta la verità in merito all’omicidio.

Leggi anche –> Luca Sacchi voleva lasciare Anastasiya, ma non ci riusciva: la rivelazione del papà

Leggi anche –> Omicidio Luca Sacchi: Anastasiya e Giovanni Princi avevano una relazione

L’annuncio dell’imminente colloquio con gli inquirenti lo ha fatto l’avvocato Alessandro Marcucci. Fino a questo momento Del Grosso si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere eccezion fatta per questa dichiarazione spontanea: “Non volevo uccidere nessuno, era la prima volta che prendevo un’arma in mano”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio Luca Sacchi, la verità di Del Grosso inguaia Anastasia

La verità raccontata da Del Grosso potrebbe mettere in guai seri Anastasia, la fidanzata della vittima che quella sera aveva con sè uno zaino pieno di soldi per acquistare droga proprio dai due assassini. La giovane è indagata per spaccio, stesso destino del suo amante Princi. La sua posizione potrebbe aggravarsi e potrebbe aggiungersi anche l’accusa di favoreggiamento.

Per il gip Costantino De Robbio Anastasia “ha ricoperto con freddezza e professionalità nella gestione della trattativa l’incarico affidatole di detenzione del denaro e di partecipazione alla delicata fase dello scambio”. Il pubblico ministero Nadia Plastina aggiunge: “La ragazza dimostra con la sua sorprendente chiusura a ogni collaborazione con gli organi investigativi per assicurare alla giustizia gli autori del delitto nei confronti del fidanzato la chiara volontà di preservare le relazioni criminali acquisite nel mondo della droga con il quale dunque non intende recidere i legami”.

Anastasia