Conto non pagato | 23mila euro per la festa di compleanno | si dileguano

Prenota per oltre cento persone: “Mio figlio compie 6 anni”, ma al ristorante tutti loro assaltano le cucine. Conto non pagato per migliaia di euro.

conto non pagato
Clamoroso conto non pagato al ristorante FOTO viagginews

Un caso clamoroso di conto non pagato e risalente a quasi quattro anni fa sta ancora facendo discutere. Accadde tutto a Casarsa delle Delizie, in provincia di Pordenone, il 22 maggio 2016.

LEGGI ANCHE –> Rischia la vita per non pagare il conto dell’albergo, la folle idea di un turista

Un certo Sandro Mazzola Diesel chiese ai gestori di un locale di organizzare una grandiosa festa di compleanno per i 6 anni del figlio. Il ristorante era ‘Al Posta’ e vide arrivare più di cento invitati, che dal primo pomeriggio fino alle 03:00 del mattino non fecero altro che bere, mangiare e divertirsi. Ed il sedicente Sandro Mazzola Diesel rassicurò i proprietari che avrebbe pagato l’immane conto da svariate migliaia di euro “raccogliendo i soldi con il cestino al taglio della torta”. Alla fine però il pagamento non c’è stato, ed è stato calcolato che si rendeva necessario mettere accanto a quanto dovuto per le innumerevoli consumazioni anche diversi danni arrecati al locale da alcuni invitati.

LEGGI ANCHE –> Riccardo Bossi, il figlio di Umberto non paga il conto: “Vado a prelevare”. Denunciato

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Conto non pagato, il truffatore aveva usato una falsa identità

La parte lesa ha sporto denuncia per l’immane conto non pagato. Nello specifico per insolvenza fraudolenta aggravata dalla rilevante entità del danno subito. E finalmente ieri la giustizia si è espressa, con una condanna per il 46enne Sandro Braidich, di origini sinti e residente a Prodolone. L’uomo è conosciuto con il soprannome ‘Mazzola’. Assolta la 42enne moglie Gloria Braidich perché ritenuta estranea ai fatti. Confermata la dinamica dell’accaduto, con Sandro Braidich che aveva fornito delle false generalità per la sua prenotazione. All’ordine originario di pizze, stuzzichine e bibite si aggiunse ben presto molto altro, assolutamente non concordato con la proprietà.

LEGGI ANCHE –> Serena Grandi in tribunale: “Non ha pagato il conto del resort” – VIDEO

“Qualcuno ha rubato i soldi, torniamo domani”

I camerieri si resero conto che l’ordine era stato sforato, a forza di portate di pesce, prosciutto crudo e champagne. Gli invitati poi si erano recati direttamente in cucina per fare le loro ordinazioni faccia a faccia ai cuochi, e prendevano in totale libertà le bibite dai frigoriferi. Poi, al momento di pagare, i soldi non c’erano. “Qualcuno ha rubato tutti i soldi, torneremo domani”. Una promessa mai mantenuta, naturalmente. E ‘Sandro Mazzola Diesel’ non rispondeva più al telefono. Ma per fortuna, anche se dopo troppo tempo, questa storia si è chiusa con un lieto fine.