Marito uccide la moglie con un badile, poi si suicida con una balestra

Dopo una violenta lite un marito ha ucciso la moglie a colpi di badile, quindi si è suicidato con una balestra; poco prima la donna aveva richiesto aiuto.

Nella serata di ieri ad Avigliana, centro abitato facente parte della città metropolitana di Torino, una furiosa lite coniugale si è conclusa in tragedia. I dettagli della vicenda al momento non sono certi, ma pare che la lite sia cominciata a causa dei disturbi mentali da cui era affetto il marito. L’uomo, infatti, era in cura in un centro d’igiene mentale per alcuni problemi di natura psichiatrica. Ieri sera la moglie ha chiamato al centro per richiedere soccorso, spiegando che la situazione in casa era degenerata.

Leggi anche ->Marito uccide moglie | “Solo un incidente” | arma detenuta illegalmente

Dal centro per l’igiene mentale hanno contattato i Carabinieri, richiedendo l’intervento tempestivo nell’abitazione di via Pietra Santa in cui abitavano i due coniugi. Al loro arrivo, però, era già troppo tardi. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, l’uomo ha preso un badile ed ha colpito la moglie finché questa non è rimasta a terra, quindi ha preso la balestra e le ha sparato una freccia. Con la stessa arma, detenuta liberamente, l’uomo si sarebbe in seguito suicidato sparandosi un colpo in pieno volto.

Leggi anche ->Agente penitenziario uccide moglie e figlie, poi si suicida

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Marito si suicida con una balestra dopo aver ucciso la moglie

Quando i carabinieri sono giunti nell’abitazione rurale in cui viveva la coppia, si sono trovati dinnanzi ad un cancello chiuso, sorvegliato da due Dobermann. Proprio la presenza dei due cani a guardia della proprietà ha richiesto l’intervento del personale del canile. Sul luogo sono giunti anche i vigili del fuoco. Pochi dubbi sul fatto che si sia trattato di un omicidio-suicidio. La moglie, nella chiamata fatta prima della tragedia, aveva detto all’operatore: “Presto venite, chiamate qualcuno, la situazione sta degenerando. Vi prego, aiutatemi”. Il marito inoltre soffriva da tempo di disturbi mentali, il che potrebbe aver scatenato la sua furia omicida.