Home News Eleonora Daniele, la morte del fratello Luigi: il dramma in diretta

Eleonora Daniele, la morte del fratello Luigi: il dramma in diretta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:09
CONDIVIDI

Eleonora Daniele, conduttrice di Storie Italiane su Rai Uno, è tornata recentemente a parlare della morte del fratello Luigi, un dramma immane che l’ha segnata per sempre.

Eleonora Daniele

Se vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le nostre notizie CLICCA QUI

Leggi anche –> Eleonora Daniele incinta | annuncio in diretta | “Si, aspetto una bimba”

Eleonora Daniele parla della morte del fratello Luigi

“Io oggi ho quarant’anni, lui ne aveva quattro più di me. Sono la più piccola di quattro figli e quando le mie sorelle maggiori hanno cominciato a lavorare, ad essere indipendenti, con Luigi c’ero io, sono cresciuta con lui” aveva detto a Vanity Fair. Luigi, che era autistico, è morto tre anni fa: “Tante mamme o sorelle potranno ritrovarsi in questo libro, un romanzo dove però ci sarà tutta me stessa. Penso che l’ autismo abbia talmente tante sfumature e complessità che il rischio è raccontarlo in superficie, come certi film tipo Rain man. La disabilità ti fa crescere, aumenta la tua forza, la tua spiritualità” dice in un’intervista a Libero.

Storie Italiane

E poi: “È un dolore che non mi abbandona mai, è troppo. È stato diverso anche dalla morte di mio padre. Quando perdi un genitore anziano è un conto, con Luigi ancora mi chiedo “perché”. Con lui ho perso un figlio. Lui mi ha insegnato a stare in silenzio e guardare il mondo”.

Il successo di Storie Italiane

La conduttrice ex partecipante del Grande Fratello ha avuto modo anche di parlare del successo che il suo programma mattutino sta ottenendo: “Questa è la mia sesta edizione, era nato come spazio di attualità ma lo abbiamo reso qualcosa di più ampio: ora trattiamo temi leggeri, tra talk e faccia a faccia con i volti noti dello spettacolo, ma diamo sempre più voce al paese reale attraverso le inchieste. Ho la fortuna di avere una bellissima squadra, i miei collaboratori – autori, inviati, filmaker – si appassionano davvero alle storie. Questa è la forza del programma: sentire, ascoltare, condividere”.