Pensione | donna ritirava quella del figlio morto mummificato in casa

Il figlio era morto da svariati mesi ed era mummificato a letto, sua madre ogni mese andava alla posta a ritirarne la pensione. La truffa finalmente scoperta.

pensione truffa
Donna percepisce la pensione del figlio morto per mesi FOTO viagginews

Una donna originaria di Milano percepiva la pensione di suo figlio morto, come se niente fosse. Lei, 73 anni, continuava imperterrita ad intascare i 900 euro che spettavano all’uomo, scomparso però da tempo. Per questo e per diversi reati che sono emersi a suo carico adesso questa persona dovrà comparire in tribunale.

LEGGI ANCHE –> Truffa alle case di riposo e agli asili: emesse 16 misure cautelari

La vicenda avvenne a Treviso nei mesi scorsi, con le forze dell’ordine capaci di scoprire tutto a maggio del 2019. Il figlio dell’anziana, un disabile, era morto a settembre del 2018 a 50 anni. La scomparsa pare avvenne nel sonno, per cause naturali. La madre da allora non ha fatto che lasciare il corpo in casa. E per tutta risposta non aveva comunicato il decesso a nessuno, tanto meno alle autorità.

LEGGI ANCHE –> Pensione, cosa cambia: assegno, anzianità, quota 100 e ape social

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pensione del figlio morto, la donna deve rispondere di vari reati

Questo aveva portato l’anziana, forte di una delega, ad autorizzarla nell’andare avanti a percepire l’indennità che spettava a lui. Il corpo era praticamente mummificato e riposto a letto. La scoperta della truffa avvenne grazie alla denuncia fatta partire da un’altra figlia della donna. Quest’ultima risiedeva a Milano e non riusciva più a mettersi in contatto con la madre. Nel frattempo la donna è andata a stare proprio con sua figlia. Ma deve restituire i 9mila euro circa intascati in maniera indebita. Il procedimento sbarca ora in tribunale.

LEGGI ANCHE –> Truffa sentimentale | donna finge cancro e deruba la compagna sul web

LEGGI ANCHE –> Truffe agli anziani, lusso e decadenza con la refurtiva: “Ci facciamo i rolex”