Endocardite | tutta colpa dei popcorn | “Sarei morto in 3 giorni”

Una gravissima endocardite ha rischiato di uccidere un uomo. E pensare che tutto è sorto dopo aver mangiato dei popcorn assieme alla moglie.

endocardite
Grave endocardite scaturita dai popcorn FOTO viagginews

Una gravissima encodardite scaturita da dei residui di popcorn. E l’inizio di una lunga odissea. Il 41enne Adam Martin mai avrebbe potuto immaginare che uno snack condiviso con sua moglie Helen davanti alla televisione lo avrebbe portato a subire addirittura una delicata operazione chirurgica a cuore aperto.

LEGGI ANCHE –> Polmonite | ceppo derivante dalla Sars fa il primo morto

Lui è un pompiere residente a Coverack, in Cornovaglia, ed aveva constatato con un certo fastidio che quei pezzetti di cibo non accennavano ad andare via. Così aveva cominciato a rimuoverli nei metodi più disparati, dopo aver potuto vedere come quelli consigliati e tradizionali non avevano funzionato. Alla fine Adam ha rimediato una grave infezione alle gengive. Da qui è sorta una condizione grave, una infezione nota come endocardite. Ovvero una infiammazione molto importante che va a colpire l’endocardio e che porta molte volte all’insorgere di danni importanti alle strutture valvolari.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Endocardite, è una grave infezione al cuore

Tutto questo accadeva tra settembre ed ottobre del 2019. I primi sintomi di malessere sono sorti con sudorazioni notturne, stanchezza e spossatezza croniche e giramenti di testa. Tutti effetti che avvenivano ogni giorno e che erano la spia di qualcosa di più grave. Così Martin e sua moglie si sono rivolti al loro medico di base ed una successiva visita di controllo ha portato all’emergere di un lieve soffio al cuore. Altri esami invece hanno svelato la presenza in corso dell’infezione. La somministrazione di farmaci non ha portato agli effetti sperati, anzi, la situazione è persino peggiorata. Adam si è visto crescere un grosso ematoma sul piede, a causa di una patologia nota come ‘lesione di Janeway’. Una condizione cutanea specchio della endocardite infettiva.

LEGGI ANCHE –> Allarme influenza | oltre un milione e mezzo ko | come difendersi

“Ho rischiato di morire in soli 3 giorni”

“Senza un consulto medico sarei morto nel giro di tre giorni”, afferma Martin al sito web cornwalllive. “L’infezione ha del tutto annientato le mie valvole cardiache. Lo sentivo che c’era qualcosa che non andava, stavo male e dormivo sempre”. Poi è emerso anche il danno esteso al cuore, con una operazione urgente il 21 ottobre scorso, durata sette ore. Nel corso di questo delicato procedimento i medici hanno rimpiazzato la valvola aortica e riparato quella mitrale. “Fossi andato dal dentista, non avrei attraversato questo inferno. Di certo non mangerò mai più popcorn”.