Home News Guillermo Mariotto malato di sesso: “Lo faccio almeno tre volte al giorno”

Guillermo Mariotto malato di sesso: “Lo faccio almeno tre volte al giorno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:54
CONDIVIDI

Qualche tempo fa ai microfoni del programma radiofonico Un giorno da pecora Guillermo Mariotto il giudice di Ballando con le stelle si è confidato senza alcun filtro ed ha raccontato quella che è stata per lui la più grande ossessione della vita: il sesso

"Lo facevo 3 volte al giorno, con uomini e donne"
Una dipendenza dalla quale Guillermo spiega di essere uscito di recente e che spera non torni più nella forma maniacale che ha avuto fino al novembre scorso.

Leggi anche –> Il Cantante Mascherato: chi sono i concorrenti, nomi e indizi

Leggi anche –> Chi è Guillermo Mariotto: vita privata, carriera, età del giudice di Ballando con le stelle

Già in precedenti interviste Mariotto aveva raccontato di essere stato dipendente dal sesso, motivo per cui i conduttori lo stuzzicano sull’argomento, chiedendo di spiegare il perché si definisse dipendente. A tale domanda il giudice di ballando risponde in questo modo: “Avevo dichiarato di amare il sesso in maniera spudorata perché è vero, lo amavo. Ora ho smesso. Kaputt, fine. Da novembre dello scorso anno. Ormai ho 53 anni. Amavo il sesso in maniera così maniacale che poi mi sono stancato. A forza di ‘ci do, ci do, ci do’… Mi auguro che non accadrà mai più”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Guillermo Mariotto: “Lo facevo con uomini e con donne”

In un secondo momento Mariotto spiega inoltre che la sua dipendenza era tale da costringerlo a cambiare partner in continuazione per provare nuovi stimoli: “Per me il sesso era una vera e propria catena, dovevo farlo tutti i giorni tre volte al giorno e non con la stessa persona. Uomini, donne… Dipende da quanto era buio”. Infine, l’ospite riserva agli intervistatori una delle sue perversioni sessuali riguardante una collega, ovvero Selvaggia Lucarelli: “Con lei ho avuto un sogno erotico. Eravamo nudi e lei mi batteva sul sedere la paletta dei voti che riportava il numero 8 sopra”.