Rosa Bazzi lascia Olindo Romano per un ergastolano: ma lui muore e lei impazzisce di dolore

Rosa Bazzi lascia Olindo Romano, si innamora di un ergastolano: ma lui muore. Incredibile ciò che è accaduto agli autori della strage di Erba. 

strage di erba

Mentre qualcuno ancora sostiene incredibilmente che Rosa Bazzi e Olindo Romano siano innocenti e non siano gli autori del massacro di Erba, loro in carcere vanno avanti con le loro vite che prevedono anche inattesi risvolti amorosi.

Leggi anche –> Azouz Marzouk: “Rosa e Olindo sono innocenti, so chi ha ucciso la mia famiglia”

Rosa e Olindo sembravano una coppia simbiotica e l’unica richiesta che avevano fatto durante il processo era quella di non essere separati. Qualcosa però deve essere cambiato e tutto è andato a rotoli in poco tempo.

Rosa Bazzi lascia Olindo per un altro uomo, poi accade una tragedia

La protagonista assoluta è Rosa Bazzi. Come riporta il settimanale Giallo, la donna si è innamorata perdutamente di Marco Alberti. Lei 56 anni, lui 60 anni e un ergastolo come condanna per un omicidio commesso nel 1998. L’uomo che ha preso il posto di Olindo nel cuore di Rosa godeva della semilibertà e proprio mentre era fuori dal carcere è morto investito da un’auto mentre si trovava a Corsico in provincia di Milano. La Bazzi, appresa la notizia, ha perso la testa per la disperazione: “Cosa farò adesso senza di lui? Aiutatemi” ha detto la donna in preda alla tristezza.

I due si erano conosciuti nel carcere di Bollate quando Rosa aveva iniziato a lavorare nel laboratorio del cuoio della sezione maschile del carcere come volontaria. Addirittura l’uomo aveva chiesto ai giudici di non concedergli giorni di semilibertà fuori dal carcere proprio per rimanere di fianco a Rosa nel laboratorio del cuoio.

Leggi anche –> Strage di Erba, Azouz Marzouk vuole l’eredità di Raffaella: “Datemi i soldi che mi spettano”

I legali dei coniugi Romano smentiscono però la storia d’amore dei due e spiegano: “Sappiamo che Olindo Romano è ancora innamorato della moglie e continua a sentirla tre volte al mese per telefono”.

strage di erba iene