Commissario Montalbano, nuovo lutto: morta Nellina Laganà

Morta Nellina Laganà, nuovo lutto per il Commissario Montalbano: chi era l’attrice, dalla fiction al teatro, la sua lunga carriera e i successi.

(screenshot video)

Ancora un lutto per la nota serie televisiva ‘Il Commissario Montalbano’. Infatti, dopo i decessi del ‘creatore’, Andrea Camilleri, e del regista Alberto Sironi, nelle scorse ore è venuta a mancare una nota attrice che aveva recitato nella fiction. Si tratta della siciliana Nellina Laganà, che aveva fatto parte del cast in passato.

Leggi anche –> Andrea Camilleri, addio al grande Maestro: la morte stamani in ospedale

Leggi anche –> Chi è Alberto Sironi, il regista di Montalbano morto oggi a 79 anni

Chi era l’attrice Nellina Laganà: dalla fiction al teatro, la carriera

L’attrice aveva avuto una parte nella serie televisiva, in particolare era apparsa nella puntata “Le ali della sfinge”. Ma era soprattutto una grande attrice teatrale: aveva lavorato con Luca Ronconi e insieme a Gianni Scuto, suo partner non solo artistico, ma anche nella vita, mise in scena “Attrice”, monologo da lei scritto per ricordare Anna Magnani. Nell’estate del 2018, l’attrice era stata tra le organizzatrici di un sit-in di solidarietà ai migranti al porto di Catania, nei giorni della crisi della Nave Diciotti.

Siracusana di nascita e catanese d’adozione, l’attrice Nellina Laganà era da tempo malata. La notizia della sua morte è stata diffusa dal sindaco di Catania, Enzo Bianco, che l’ha ricordata come “figlia vera” del capoluogo etneo. Scrive il primo cittadino: “La ricordo con affetto, con dolcezza, con gratitudine. Per la sua bella carriera teatrale e televisiva. Ma anche per il suo impegno civile, per quella travolgente ironia con cui ha condito la sua vita e ha regalato sorrisi e riflessioni a chi ha avuto la gioia di conoscerla”. Grande la commozione anche da parte del giornalista Sebastiano Messina: “Non ci hai dato neanche il tempo di dirti quanto ti saremo sempre grati per la passione civile, per le storie e per l’ironia che ci hai regalato”.