Allarme influenza | oltre un milione e mezzo ko | come difendersi

È allarme influenza, con il picco della malattia di stagione atteso per fine gennaio. Ma sono già tanti gli italiani bloccati a letto, ed il numero aumenterà.

allarme influenza
Grosso allarme influenza con numerosi italiani a letto per la malattia di stagione FOTO viagginews

Ci addentriamo nel cuore della stagione fredda, e questo vuol dire allarme influenza. Già da prima della fine dell’autunno la malattia stagionale, che ciclicamente si ripresenta nel periodo che intercorre tra il vecchio ed il nuovo anno, costringe milioni di italiani a restare a letto.

LEGGI ANCHE –> Influenza, 1 milione di persone a letto: ecco le regioni più colpite

In molti hanno dovuto ricorrere a cure specifiche con anche annesso ricovero in ospedale, a causa dell’aggravarsi delle condizioni di salute fino a sfociare anche in polmonite e bronchite. I sintomi più noti sono febbre alta e dolori articolari e muscolari diffusi, misti ad una generale mancanza di energie ed anche alla presenza di diarrea in molti casi. Gli esperti virologi hanno individuato nei ceppi influenzali A/H3N2 e A/H1N1 quelli che più risulteranno letali, con in particolare bambini ed anziani ad essere maggiormente soggetti all’azione nefasta dei virus.

LEGGI ANCHE –> Sintomi influenza: quali sono, come riconoscerli e cosa fare

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Allarme influenza, le categorie a rischio ed il numero di ammalati previsto

I più piccoli e le persone in terza età rappresentano le categorie più a rischio a causa delle particolari situazioni dei loro sistemi immunitari, non efficienti al 100% come quello di un adulto in piena salute. Le stime ufficiali riguardo all’allarme influenza riferiscono che, nella settimana tra Natale e Capodanno, ci sono stati un milione e 600mila persone finite ko per via dell’influenza. Per questo sempre gli esperti consigliano di effettuare il vaccino anti-influenzale, per poter debellare sul nascere qualsiasi spiacevole futura condizione fisica. Anche tra Capodanno e l’Epifania i casi di persone finite ammalate sono stati frequenti. Ma il picco stagionale dovrebbe arrivare alla fine di gennaio. La riapertura delle scuole ed altre situazioni in cui ci saranno assembramenti di persone faciliterà il proliferare dei virus. E dai luoghi pubblici la malattia arriverà anche a casa.

I consigli su come difendersi

Alla fine della stagione influenzale si prevede un esercito di almeno 7 milioni di ammalati. La colpa è anche del clima e degli sbalzi termici, con differenze troppo marcate tra l’esterno e gli ambienti interni. I consigli su come affrontare al meglio qualsiasi complicazione. Anzitutto niente antibiotici in caso di febbre. Poi dopo circa 3 giorni è consigliato un consulto medico per ottenere dei farmaci utili a debellare qualsiasi complicanza. Bisogna tenersi idratati e bere molto ogni giorno. Cambiare coperte e pigiami con cadenza quotidiana. E mangiare frutta ogni 24 ore, meglio se agrumi che contengono la vitamina C necessaria per rinforzare il nostro apparato immunitario.

LEGGI ANCHE –> Vaccino per l’influenza: quando farlo e cosa sapere