Virus New Delhi | donna muore a Firenze | “Impossibile salvarla”

Il Virus New Delhi fa una vittima a Firenze: si tratta di una donna che mai prima d’oggi aveva fatto segnare problemi di salute importanti.

Virus New Delhi
Il virus New Delhi fa una vittima a Firenze FOTO viagginews

Il virus New Delhi fa una vittima a Firenze. All’ospedale di Torregalli una donna di 51 anni ha perso la vita a seguito di un forte stato influenzale con annessi disturbi del tratto gastrointestinale.

LEGGI ANCHE –> Toscana, superbatterio New Delhi: 31 casi di decesso sospetti

Improvvise complicazioni hanno condotto quest’ultima alla morte, con la causa ufficiale che secondo i medici è da individuare in una infezione attribuibile proprio al virus New Delhi. Il ricovero della vittima aveva avuto luogo a metà dicembre. Da allora però la donna non è mai riuscita a superare i suoi disturbi. Da lì è arrivata anche una seconda diagnosi, che parlava nello specifico di polmonite con versamento pleurico. Questo ha fatto si che i dottori spostassero d’urgenza la paziente all’interno del reparto di Terapia Intensiva. Purtroppo però gli antibiotici che sono stati somministrati alla donna non hanno sortito l’effetto sperato.

LEGGI ANCHE –> Batterio New Delhi, diversi i casi in Toscana: piano urgente in atto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Virus New Delhi, tanti i casi recenti in Toscana

Il calvario è proseguito con un intervento chirurgico alla colecisti, visto che i dottori pensavano che fosse quella l’area di partenza del virus. Ma nulla hanno potuto fare contro una sopraggiunta setticemia e la totale assenza di efficacia degli antibiotici. La vittima non aveva alcuna patologia pregressa ed aveva sempre goduto di buona salute. Risulta che nel corso della sua vita si fosse sempre ammalata con scarsa frequenza. Era madre di una bambina di 10 anni. E il New Delhi ora spaventa non pochi in Toscana, dove negli scorsi mesi si è avuta una impennata di casi tali da richiedere il ricovero. Stando alle cifre diffuse dalla Agenzia Regionale di Sanità (Ars), ci sono 153 persone che hanno dovuto necessitare di cure apposite o continuano a farlo. Il 32% di queste situazioni cliniche sono ritenute letali quando incorre una sepsi.