Meningite, nuovo caso a Reggio Calabria: morta una sedicenne

Emerso un nuovo caso di meningite letale a Reggio Calabria: a causa del contagio è morta una ragazza di appena sedici anni.

Tragedia a Reggio Calabria, dove a causa di un caso di meningite è morta una ragazza di appena sedici anni. La notizia del decesso è stata data dalla direzione aziendale del Grande Ospedale Metropolitano. Nel comunicato si assicura che si è trattato di un caso di meningite e che prima di dare la notizia è stato accertato: “Si è verificato per Sepsi Meningococcica microbiologicamente accertata, malattia ad elevatissima mortalità anche se opportunamente e tempestivamente trattata”.

Leggi anche ->Lago di Iseo | Quinto caso di Meningite, gravissimo un 16enne

La direzione fa dunque sapere che non ci sarebbero stati errori di diagnosi, ma che l’elevata mortalità della malattia può portare ad esito nefasto anche se riscontrata e trattata in tempo. Non è chiaro se sul decesso della giovanissima paziente è stata aperta un’inchiesta della Procura di Reggio Calabria, ma dalla struttura ci tengono a contenere gli allarmismi. Sebbene la malattia contratta dalla giovane sia altamente mortale, ci sono poche possibilità di contagio: “Evitare ogni allarmismo, visto che il contagio si realizza solo attraverso un contatto stretto e prolungato con una persona colpita dall’infezione”.

Leggi anche ->Brescia, muore la 48enne ricoverata per meningite

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Meningite, giusto evitare allarmismi

La precisazione dell’ospedale che chiede ai media e agli organi di diffusione della notizia di evitare allarmismi è d’obbligo. Spesso infatti, dato il tipo di malattia, la notizia di uno o più casi bastano per fare allarmare la gente. Giusto anche l’aver comunicato dopo il riscontro microbiologico che si è trattato di un caso di meningite. Ad inizio dicembre, infatti, la morte di una studentessa nel bergamasco era stata trattata come un caso di meningite. Solo dopo l’autopsia si è scoperto che in realtà la causa della morte era stata un’altra.