Violenza condominiale | donna distrugge mezza palazzina armata di coltello

Una madre di famiglia di neanche 40 anni si rende protagonista di una serie di feroci episodi di violenza condominiale. Tutti nel palazzo sono preda della sua furia.

violenza condominiale
Violenza condominiale inarrestabile ed una donna viene fermata FOTO viagginews

Una serie di episodi inconsulti di violenza condominiale hanno gettato un intero condominio nel panico. Succede a Treviso, dove una 38enne originaria del Camerun ha dato in escandescenze apparentemente senza motivo, causando spavento in tanti residenti della palazzina di Santa Bona.

LEGGI ANCHE –> Eva Valerio | chi era la turista italiana morta in Marocco

La donna già da alcuni giorni aveva compiuto diversi dispetti. Nella giornata di ieri però ha distrutto la telecamera di sicurezza posta all’esterno dell’appartamento di una sua vicina. E non contenta, ha anche danneggiato la porta del condominio con un coltello, infierendo con violenza. Infine ha provato a buttare giù la porta di un’altra persona che vive al piano di sopra. Alla fine ci sono voluti i carabinieri ed il personale del 118 per sottoporre l’autrice di questa violenza condominiale ad un trattamento sanitario obbligatorio. La maniaca, con figli, è vista ora con preoccupazione dai suoi vicini, preoccupati che le minacce possano ripetersi quando tornerà di nuovo a casa.

LEGGI ANCHE –> Incidente Alto Adige | Stefan Lechner andava dalla ex fidanzata | voleva uccidersi

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Violenza condominiale, i vicini hanno paura

Più nello specifico, questa persona ha inciso delle croci sulle porte colpite dalla sua furia. La sera prima invece aveva gettato dell’urina sugli zerbini altrui. La persona che vive al piano di sopra ha testimoniato dicendo di avere sentito del trambusto e di essere uscito a controllare. Appena la tizia si era accorta di lui, gli stava muovendo contro brandendo il coltello. “Sono subito tornato dentro, nonostante abbia una porta blindata ha quasi distrutto i cardini a forza di calci”. I carabinieri di Treviso sono intervenuti poco dopo, riuscendo a calmarla e ad accompagnarla all’ospedale. La donna risulta già nota ai servizi sanitari del Comune. Con lei vivono tre figli, la più piccola dei quali è nata solamente a giugno del 2019.