Shopping compulsivo | Spende 30mila euro in capi firmati | finisce male

Una donna non riesce a controllare i propri sfrenati impulsi di shopping compulsivo, e dopo avere dilapidato una fortuna serve un intervento drastico.

shopping compulsivo
Troppo shopping compulsivo ed il giudice le toglie le carte di credito dopo aver dilapidato migliaia di euro FOTO viagginews

Lo shopping compulsivo è valso una condanna singolare per una donna di 49 anni originaria di Pavia. In pochissimo tempo questa persona, che non ha saputo controllare i propri istinti cara di credito alla mano, ha dilapidato una fortuna.

LEGGI ANCHE –> Saldi invernali 2020 quando iniziano | tutte le date

Con ben 30mila euro la signora si è portata a casa decine e decine di costosissimi abiti firmti, tra vestiti, borse e scarpe. Le è bastato qualche giorno, in base a quanto si apprende. Ma per chi è stato chiamato a giudicarla ci sono tutti i crismi per riscontrare una evidente debolezza patologica, di quelle potenzialmente distruttive del benessere di una famiglia. I suoi parenti le avrebbero provate tutte per persuaderla a controllarsi. Ma niente, la donna si concedeva sfrenate sessioni di shopping compulsivo nelle località più in della Lombardia, in particolare Milano, e di altre zone d’Italia.

LEGGI ANCHE –> Saldi invernali 2020: quando iniziano in Europa

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Shopping compulsivo, il Tribunale le toglie le carte di credito per farla guarire

Gli acquisti selvaggi avvenivano anche a dispetto della stabilità economica. Tempo poche altre settimane e la donna sarebbe inevitabilmente finita sul lastrico. Così il Tribunale di Pavia le ha affibbiato un amministratore di sostegno, togliendole al contempo la facoltà di utilizzare carte di credito, bancomat e simili. Una scelta motivata anche da delle perizie fornite in questo senso da una psicologa e da uno psichiatra. La speranza ora è che questa inclinazione allo shopping compulsivo possa attenuarsi, fino a sparire del tutto.