Dichiarazione redditi dei politici: Conte milionario, Salvini tra i più “poveri”

Quanto hanno guadagnato i nostri politici nel 2018? Il Premier Giuseppe Conte dichiara redditi per 1 milione di euro, Matteo Renzi arriva a 796mila, Matteo Salvini si ferma a 70mila… 

Oltre un milione di euro per il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, 796mila euro per il senatore di Italia Viva Matteo Renzi, poco più di 70mila euro per l’ex ministro dell’Interno e leader ella Lega Matteo Salvini: queste (e ovviamente non solo) le cifre che emergono dalla dichiarazione dei redditi 2019 (relativa dunque al 2018) dei principali esponenti politici italiani.

Leggi anche –> Giuseppe Conte, scoop del Financial Times: “Grave caso di conflitto d’interessi” 

I modelli 730 sono appena stati pubblicati sui siti internet del Senato e della Camera, e ovviamente è subito partita la caccia a chi guadagna di più o di meno. Manca però ancora all’appello la dichiarazione del ministro degli Affari esteri Luigi Di Maio: la sua documentazione patrimoniale è ferma al 2018.

Leggi anche –> Dichiarazione dei redditi online col 730 precompilato: come funziona e cosa fare

Leggi anche –> Manovra fiscale 2020, detrazioni e spese sanitarie: ecco le nuove regole

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I redditi dei politici ai raggi X

In pole position, come dicevamo, c’è Giuseppe Conte, i cui reddito segna un aumento di circa 700mila euro rispetto a dodici mesi fa. L’avvocato prestato alla politica ha infatti dichiarato per il 2018 un reddito imponibile pari a 1.155.229 milioni di euro, mentre nell’anno precedente non superava i 370.014 euro.

Quanto a Renzi, nella sua documentazione patrimoniale 2019, segnala alcune variazioni significative, tra cui  la cessione di “due unità immobiliari” nel comune di Pontassieve, di cui aveva il “possesso al 50%”, il 27 maggio; e la liquidazione della Digistart srl con sede a Firenze, che lo vedeva socio, con 10mila euro.

Leggi anche –> Renzi ha comprato la villa da 1,3 milioni di euro, scoppia la polemica

Dario Franceschini, titolare dei Beni culturali, risulta essere invece il più “ricco” tra i ministri del Conte bis, con un reddito imponibile 2018 di 200.767 euro (rispetto all’anno precedente ha ceduto un fabbricato sito nel comune di Ferrara alle figlie e il 50% di un immobile a Roma alla moglie). All’ultimo posto si piazza invece il ministro degli Affari europei, Vincenzo Amendola, che nel 2018 dichiara un reddito imponibile di “soli” 45.753 euro.

Nel mezzo troviamo la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, con 160.876 euro di imponibile (è tra l’altro comproprietaria di cinque fabbricati a Roma – la casa in cui vive e relative pertinenze -, uno a Potenza e uno a Milano; e detiene 1.035 azioni della Aedes Siiq Spa, ora Restart). E la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, che ha dichiarato nel 2019 un reddito imponibile di 115.290 euro. Last but not least, l’ex ministro della P.A. Giulia Bongiorno ha dichiarato nel 2019 un reddito imponibile di 2.403.772 milioni di euro, in calo rispetto all’anno precedente, quando la senatrice della Lega aveva presentato un imponibile di circa 2,8 milioni.

EDS