Terremoto Albania | scossa fortissima a Capodanno nella notte

Nuova forte scossa di terremoto in Albania, a poco più di un mese di distanza dal devastante sisma che provocò diversi morti a fine novembre.

Terremoto Albania
Terremoto Albania nuova forte scossa nella notte FOTO viagginews

Un nuovo terremoto in Albania torna a portare tanta paura. A quasi cinque settimane dal devastante sisma avvenuto il 26 novembre scorso, la popolazione locale torna ad avvertire un forte spavento.

LEGGI ANCHE –> Devastante sisma in Albania, trema anche l’Italia: morti e feriti

Alle ore 03:53 i sismografi hanno segnalato un terremoto in Albania, e più precisamente lungo le coste che bagnano la città di Durazzo. L’evento ha avuto una magnitudo di 4.2, quindi decisamente forte e sufficiente per essere avvertita senza alcuno sforzo dalla popolazione. Siamo nella parte settentrionale della nazione balcanica, in pieno Mare Adriatico. L’agenzia statunitense Usgs riferisce alcuni dettagli in merito a questo evento naturale. L’ipocentro ha avuto luogo in mare aperto, a 13 km di profondità ed a 27 km di distanza dalla terraferma. Per fortuna non giungono segnalazioni relative a danni a cose o a persone.

LEGGI ANCHE –> Terremoto il 26 dicembre | scossa tra Macerata e Perugia | FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Terremoto Albania, a novembre fu una vera e propria strage

A fine novembre purtroppo le cose andarono assai diversamente. Ed in maniera di gran lunga peggiore, con un bollettino tragico. Ci furono più di 50 morti nella circostanza, con oltre 2mila feriti. Come se non bastasse, numerosi disagi hanno fatto seguito a quel disastro. La macchina dei soccorsi si è mossa tempestivamente, grazie soprattutto all’operato di altri Paesi che hanno fornito aiuto significativo all’Albania. Specialmente l’Italia. Ma i problemi sono stati tanti e diffusi. Nello specifico si segnalano i grossi ostacoli avuti da alcuni soccorritori nel fornire vettovaglie ed altri beni di sostentamento alla popolazione locale. In più di una circostanza i punti all’interno dei quali veniva assegnato del pane agli sfollati sono stati letteralmente presi d’assalto e saccheggiati.

Gestione cookie