Investe e uccide una donna su scooter per disabili a Capodanno: arrestato

La vittima al volante dello scooter è deceduta dopo essere stata investita da un’automobile a Cannock, nella contea inglese dello Staffordshire. 

Un uomo è stato arrestato dalla polizia dello Staffordshire, in Inghilterra, dopo aver investito e ucciso con la sua automobile una donna di 62 anni al volante di uno scooter per disabili. Il tragico incidente è avvenuto in prossimità di un incrocio a Cannock, una città di poco più di 90.000 abitanti nella suddetta Contea, la sera della vigilia di Capodanno intorno alle 18:30 (ora locale).

Leggi anche –> Uccio De Santis, incidente gravissimo a Capodanno: il comico è vivo per miracolo

Leggi anche –> Scontro camion-auto alla vigilia di Capodanno: 3 morti ed un ferito

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

L’impatto fatale per la disabile alla guida dello scooter

L’incidente mortale è avvenuto esattamente all’incrocio tra Pye Green Road e Saint Aidan’s Road nella città dello Staffordshire. L’auto che ha travolto lo scooter sarebbe una VW Golf argentata. Nonostante il tempestivo intervento dei soccorritori, che hanno fatto di tutto per salvare la vita della 62enne, per la poveretta non c’è stato nulla da fare: è morta sul posto.

La Polizia ha dichiarato che il conducente dell’auto non si è fermato dopo l’impatto e ha lasciato la scena dell’incidente. Ma poche ore dopo, alle 2:45 di oggi, un 27enne di Cannock è stato arrestato nella zona di Hednesford con l’accusa di aver causato la morte della donna per guida pericolosa. Al momento è sotto custodia e verrà sottoposto agli interrogatori di rito.

Paul Cooke, investigatore capo della Polizia dello Staffordshire, ha intanto spiegato che “sono ancora in corso le indagini su questo incidente. Vorrei chiedere a chiunque potesse aver assistito alla scena o che stava guidando nei paraggi in quel momento a farsi avanti. Stiamo assistendo la famiglia della donna ed è importante stabilire le circostanze che hanno determinato la sua morte”.

EDS